Servizio ambientale europeo per i giovani, la Presidente della Commissione Europea Von der Leyen risponde con il suo supporto alla proposta di Eleonora Evi

Un’occasione irripetibile per raggiungere gli obiettivi climatici e affrontare la disoccupazione giovanile

“Dopo l’appello al Presidente Draghi e la lettera alla Presidente della Commissione Europea Von der Leyen, ho lanciato una petizione internazionale per chiedere che il Servizio Ambientale per i giovani venga inserito nei piani nazionali di recupero e resilienza degli Stati membri”- dichiara Eleonora Evi, eurodeputata di Europa Verde.

“Mi sono fatta portavoce in Europa di questa iniziativa, nata da un’idea di Alessandro Di Battista e Lapo Sermonti” – aggiunge – “perché sono fortemente convinta che il servizio ambientale, pagato con dignità e destinato ai giovani sotto i 35 anni, possa dare un forte impulso al raggiungimento degli obiettivi climatici e affrontare il dramma della disoccupazione giovanile”.

“Investire nel Servizio Ambientale” – puntualizza Eleonora Evi – “significa liberare i giovani dalla doppia gabbia dell’esclusione lavorativa e dell’ansia per l’incombente crisi ecologica, che li priva di un futuro in cui sperare. Ma significa anche fare una scelta economicamente sensata, poiché i dati ci dicono che 1 euro speso in prevenzione fa risparmiare fino a 4 euro in riparazione dei danni. Invece che investire in colate di cemento per opere infrastrutturali inutili che contribuiscono al consumo di suolo, sarebbe decisamente più saggio per la prosperità del Paese investire nella tutela di infrastrutture ecologiche”.

L’europarlamentare spiega che il Servizio Ambientale prevede attività di piantumazione e rimboschimento per ridurre le emissioni nette di gas serra e la perdita di biodiversità, azioni di contrasto all’erosione del suolo e messa in sicurezza del territorio, per prevenire frane e inondazioni e arginare il dissesto idrogeologico. Inoltre, i giovani impiegati nel programma potrebbero sostenere il recupero delle aree interne e fornire manodopera nei terreni agricoli, supportando un settore che ha perso oltre 14 miliardi di euro negli ultimi dieci anni a causa dei danni provocati dalla crisi climatica.

“Inspiegabile” – continua Evi – “che nel nostro PNRR non abbia trovato posto questa iniziativa e che, secondo un rapporto del Green Recovery Tracker, sia stato destinato alla risoluzione della crisi climatica solo un misero 16% delle risorse, contro l’obiettivo del 37% stabilito dalla Ue. Nei prossimi giorni è attesa la valutazione del piano italiano da parte della Commissione europea. Mi aspetto indicazioni chiare per garantire che le regole europee vengano applicate correttamente e per scongiurare il pericolo dell’ennesima operazione di greenwashing.

Sotto questo aspetto, la risposta datami dalla presidente Von Der Leyen mi sembra un segnale decisamente importante e che lascia ben sperare perché venga chiesta una revisione del nostro PNRR. Mi scrive, infatti: “Le misure che promuovono il coinvolgimento personale dei giovani in azioni ambientali concrete hanno un forte potenziale per contribuire alla transizione verde, sensibilizzando, sviluppando competenze chiave e creando opportunità di lavoro per il futuro. In quanto tali, possono contribuire alla ripresa dell’UE e aumentarne la resilienza. Avremo sicuramente in mente queste considerazioni quando valuteremo i piani di rilancio e resilienza presentati dagli Stati membri.

Il piano di rilancio dell’UE è un’opportunità irripetibile per gli Stati membri di promuovere una vera transizione verde. Coinvolgere i giovani in questo processo è fondamentale. Sarebbe imperdonabile sprecare questa occasione e non dimostrarci all’altezza delle sfide storiche che siamo chiamati ad affrontare” – conclude l’eurodeputata.

Fonte Greens/EFA – 16 giugno 2021

Segue appello e firmatari, tra cui il nostro centro studi europeo CETRI-TIRES:

FIRMATARI:

ABATE SILVANA, senatrice della Repubblica;

AMENDOLA GIANFRANCO, Magistrato ambientalista- fondazione Univerde

AMITRANO ALESSANDRO, deputato della Repubblica;

ANGRISANI LUISA, senatrice della Repubblica

BOLOGNA GIANFRANCO, Direttore scientifico e responsabile d’area sostenibilità WWF;

BROTINI MAURIZIO, Segretario Cgil Toscana e membro del Direttivo Nazionale;

CECCONI ANDREA, deputato della Repubblica;

CONSOLI ANGELO. Presidente del CETRI-TIRES Circolo Europeo per la Terza Rivoluzione Industriale

CORRADO MARGHERITA, senatrice della Repubblica;

D’AMATO ROSA, europarlamentare;

DE GIORGI ROSALBA, deputata della Repubblica;

DE MASI DOMENICO, docente emerito Sapienza e presidente comitato scientifico Fondazione Univerde

DE PETRIS LOREDANA, Senatrice della Repubblica

DEZZA COGLIATI VITTORIO; già Presidente Nazionale di Legambiente, membro del Forum Disuguaglianze Diversità;

DI SISTO MONICA, Vice-Presidente di Fairwatch;

ERMELLINO ALESSANDRA, deputata della Repubblica;

EVI ELEONORA, Europarlamentare;

FASSINA STEFANO, deputato della Repubblica Italiana;

FERRI COSIMO, deputato della Repubblica;

FIGOLI JONATHAN, Founder & CEO ProfessioneFinanza;

FIORAMONTI LORENZO, già Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, deputato della Repubblica Italiana;

FUSACCHIA ALESSANDRO, deputato della Repubblica;

GESUALDI FRANCESCO, Presidente del Centro Nuovo Modello di Sviluppo;

GIUGNI ROSALBA, Presidente Marevivo;

GRANATO, BIANCA LAURA, senatrice della Repubblica;

LA MURA VIRGINIA, senatrice della Repubblica;

LANNUTTI ELIO, senatore della Repubblica;

LEZZI BARBARA, senatrice della Repubblica;

LOMBARDO ANTONIO, deputato della Repubblica;

MASTINI RICCARDO, Ricercatore, Institute of Environmental Science and Technology (ICTA)

Autonomous University of Barcelona;

MERCALLI LUCA – presidente Società Meteorologica Italiana

MONICO FRANCESCO, Direttore generale di Accademia UNIDEE;

MOROSINI MARCO, Professore di politiche ambientali, Politecnico federale di Zurigo;

MURONI ROSSELLA, deputata della Repubblica;

NUGNES PAOLA, senatrice della Repubblica;

PECORARO SCANIO ALFONSO, già Ministro dell’Ambiente e Ministro dell’Agricoltura e presidente della fondazione UNIVERDE

PUGLIA SERGIO, senatore della Repubblica,

ROTONDI GIANFRANCO – Deputato della Repubblica, Già Ministro per l’Attuazione del programma di governo,

SALUSTRI ROBERTO, Presidente Ecoistituto RESEDA onlus e del gruppo Riforestiamo Roma

SERMONTI LAPO, Consulente presso International Fund for Agricoltural Development (IFAD), Nazioni Unite;

TASSO ANTONIO, deputato della Repubblica;

VIANELLO GIOVANNI, deputato della Repubblica;

ZAGO STEFANO, Direttore di Teleambiente

ZANCHINI EDOARDO, vicepresidente Legambiente;