Antonio Rancati, ideatore e coordinatore di questo nuovo format di green education sulla sostenibilità, per coinvolgere scuole e università

Antonio Rancati, coordinatore generale CETRI-TIRES esperto in particolare di didattica e formazione, spiega in questa intervista in cosa consiste la collaborazione con GECO FOR SCHOOL e quali importanti obiettivi si prefigge con l’educare gli studenti della scuola secondaria di primo grado alla sostenibilità, tema di fondamentale importanza per le nuove generazioni.

Antonio, già coinvolto attivamente nella prima edizione di GECO – La fiera virtuale della sostenibilità, fa il punto della situazione, anche alla luce degli strumenti offerti dalla tecnologia odierna, e ci illustra le partnership in corso per sensibilizzare i giovani al Green New Deal. Sono infatti molteplici i progetti proposti da studenti da lui incontrati nel corso degli ultimi anni e poi sfociati in realtà innovative in grado di rilanciare una visione strategica dal punto di vista eco e nuovi approcci a misura di sostenibilità.

GECO FOR SCHOOL è il nuovo progetto virtuale e formativo in cui verranno coinvolte scuole ed università. Antonio, in quanto parte dell’ideazione di questo nuovo progetto e membro del nostro Comitato Scientifico, perché secondo te gli studenti dovrebbero partecipare? E perché gli insegnanti dovrebbero far aderire le proprie scuole?

Il grande Team di GECO ha compreso fin da subito l’importanza di formare le nuove generazioni sulla Sostenibilità, tema sempre più attuale specialmente in seguito a una pandemia che ha aperto gli occhi sui cambiamenti climatici in atto e su come stiamo riducendo il Pianeta dopo due secoli di sfruttamento dei fossili: la globalizzazione imperante assorbe più risorse di quello che la terra può generare.

Durante la fiera virtuale sulla sostenibilità GECO EXPO dello scorso gennaio, a cui ho partecipato con grande piacere come componente della giuria del premio nazionale rivolto alle startup innovative e green, sono emerse numerose richieste di partecipazione da parte delle scuole superiori e di studenti universitari.  Dato che il Team di GECO è composto da giovani brillanti e aperti a nuove sfide, sono maturate in poche settimane le condizioni per dare vita ad una nuova attività formativa virtuale che abbiamo denominato GECO FOR SCHOOL, proprio per dare seguito a tanto interesse per sensibilizzare i giovani sui temi del Green New Deal ed in particolare su Turismo SostenibileEnergie RinnovabiliEco-FoodMobilità Green ed Economia Circolare.

Data la tua esperienza con “Il Sole in Classe”, progetto formativo sull’uso delle energie rinnovabili rivolto agli studenti delle scuole primarie e superiori, qual è secondo te la chiave per sensibilizzare i ragazzi su queste tematiche?

Quando nella primavera del 2010 iniziai a realizzare i primi format di green education sulle energie rinnovabili, potevo contare solo su alcuni plastici esplicativi, slide e tanta voglia di spiegare alle nuove generazioni le opportunità che già in quegli anni stavano emergendo per un futuro sempre più green. Piano piano, con l’utilizzo sempre più frequente di nuove tecnologie, video, cartoni animati e documentazione elaborata per gli studenti più giovani per spiegare in modo semplice la Terza Rivoluzione Industriale, sono aumentate le opportunità di incontrare tantissime scuole e grazie a tanti amici e professionisti di educazione ambientale è stato possibile duplicare questi format in grandi numeri e raggiungere come è successo con il format “Il Sole in Classe” dal 2013 oltre 350.00 studenti in pochi anni.

Oggi la piattaforma virtuale consente la riproduzione di un ambiente immersivo ed interattivo in cui ogni studente, dopo aver creato e personalizzato il proprio avatar, potrà muoversi ed interagire con gli altri partecipanti, accedendo agli stand e alle attività formative composte da giochi, quiz e contest inerenti ai temi della sostenibilità e permette di raggiungere migliaia di studenti in tempi ancora più brevi. Questi nuovi strumenti tecnologici, oramai fruibili su grande scala, permetteranno agli insegnanti di poter coinvolgere molto di più i loro alunni, nativi digitali già predisposti e molto più interattivi delle generazioni precedenti.

Che ruolo hanno secondo te i giovani nel panorama delle azioni verso la sostenibilità?

In questi anni, avendo tenuto lezioni in decine di università, sia in master sia in corsi di alta specializzazione, ho avuto modo di conoscere dall’interno tantissime realtà che hanno grandi potenzialità per poi esplodere nel mondo delle imprese green ed innovative. Tante startup nascono tra persone che hanno condiviso percorsi di studi, molte di più di quante si possa pensare, e molte di loro hanno le gambe per correre perché non sono nate in provetta o per strane alchimie di laboratorio. Ne ho già incontrate tante che hanno unito l’amicizia, le comuni passioni e una visione green del futuro, tanto che più di altre supereranno questo ultimo tragico anno di pandemia, proprio perché hanno un DNA buono frutto di passioni e condivisioni.

Secondo te che compito dovrebbero assumere le università verso le nuove generazioni nel panorama della sostenibilità?

Molte università in questi anni sono già in prima linea sulla Sostenibilità e alcune di loro saranno presenti a GECO FOR SCHOOL con stand virtuali per fornire un open day “continuativo” agli studenti ma anche dare visibilità ai loro nuovi progetti sostenibili e quelli delle aziende sponsor che, oltre a promuovere i loro prodotti e servizi green dedicati ai giovani, avranno la possibilità di sviluppare delle prove bonus dedicate agli studenti partecipanti e lanciare anche un contest a loro dedicato. Possiamo già contare su numerosi docenti ed educatori che hanno sposato fin da subito questa nostra mission, la quale ha lo scopo di crescere le nuove generazioni più consapevoli di vivere in un mondo più pulito ed operare per il bene comune.

Qual è stato il momento in cui hai capito che la nostra piattaforma virtuale poteva essere uno strumento utile per fare formazione per i ragazzi?

Ho visto negli occhi di tutto il Team di GECO e nei primi esperti nazionali, che ho contattato per costituire il Comitato Scientifico a supporto di tutte le attività di green education, il desiderio di creare qualcosa di eccellente ancora di più in questo momento in cui bisogna rilanciare il Paese in un nuovo Rinascimento smart e green.

Credo che sarà molto emozionante vedere gli studenti quando parteciperanno a GECO FOR SCHOOL e prenderanno parte al contest “La Tua Scuola Sostenibile”, in cui saranno invitati a creare un vero progetto sostenibile da applicare nel quotidiano e per il quale verranno eletti i vincitori durante una premiazione in alcune delle Università partner del progetto. Scopriremo dei nuovi Leonardo Da Vinci, molto smart e molto green!


Tags: didattica • giovani e sostenibilità • sostenibilità • start up

Fonte GECO FOR SCHOOL: Intervista ad Antonio Rancati