Il verde urbano per limitare l’inquinamento nelle città (dati Openpolis 2019)

Le aree verdi, in particolare gli alberi, contrastano efficacemente l’inquinamento atmosferico. Questo le rende un patrimonio fondamentale nei territori più urbanizzati, le città, dove l’inquinamento atmosferico, l’innalzamento delle temperature, il dissesto idrogeologico sono fenomeni molto più incisivi rispetto ad altre aree. In questo senso, una pianificazione del verde è necessaria per la tutela dell’ambiente e della salute dell’uomo.
33,8 mq è la disponibilità media di verde urbano per abitante, nei capoluoghi di provincia italiani nel 2019.

Un’offerta superata solo da 31 delle 109 città considerate, di cui 18 a nord, 4 nel centro e 9 a sud. Prime tra queste Matera, Trento e Rieti, che dispongono rispettivamente di 995,1, 399,5 e 337,2 metri quadri per abitante. Va tuttavia sottolineato che il dato di Matera è così sbilanciato rispetto agli altri perché viene incluso nel verde urbano il parco archeologico storico naturale delle chiese rupestri del materano. Un’area classificata come verde storico che occupa circa il 98,33% del territorio del comune.

Comune Matera, Comune di Trento e Comune di Rieti, primi per disponibilità di verde urbano

Metri quadrati di verde urbano per abitante, nei capoluoghi di provincia (2019)

Approfondimenti: https://www.openpolis.it/il-verde-urbano-per-limitare-linquinamento-nelle-citta/