Intervista a Beppe Bratta, un percorso che va dalle energie rinnovabili del futuro alla green education

Intervista a Beppe Bratta, Presidente Regionale del Distretto Produttivo Pugliese delle Energie Rinnovabili e dell’Efficienza Energetica “La Nuova Energia e fondatore di due realtà green: Geatecno, azienda leader nel Sud Italia nel settore dell’industria e della green economy e di Plasmapps,  eccellenza tecnologica italiana che si occupa di trattamento superficiale al plasma attraverso la nano-tecnologia green a plasma.

Un percorso che va dalle energie rinnovabili del futuro alla green education: www.gecoforschool.com/intervista-a-beppe-bratta/

A che punto è l’Italia nel percorso verso le energie rinnovabili e quale è il loro futuro?

Il futuro delle rinnovabili in Italia è sicuramente positivo, sia per la ormai consolidata presa di coscienza da parte delle persone che il futuro deve essere “green” e sostenibile per la salvaguardia ambientale del territorio. Attualmente è  conveniente economicamente investire nella green economy anche dal punto di vista industriale visto anche l’evoluzione tecnologica dell’ultimo decennio che ha reso molte tecnologie sostenibili anche senza incentivi.  Il prossimo futuro delle rinnovabili, da ultimo sarà condizionato dalle risorse economiche che il Recovery Plan che l’Europa  destinerà alla transizione energetica. Il “tema” in discussione non è il futuro della green economy per il prossimo decennio, ma i modelli di business che saranno implementati, in particolare se i modelli di business dettati anche dalle scelte della politica e regolatorie andranno a privilegiare poche grande Aziende o centinaia e miglia di Aziende e professionisti. Questa è la vera sfida.

Cosa possiamo aspettarci dall’idrogeno verde?

Lo sviluppo dell’idrogeno verde probabilmente è la partita più importante per gli impatti economici che potrà avere. Ritengo che nel breve periodo sino al 2024 saranno realizzati solo grandi progetti con l’implementazione delle “idrogen valley” che saranno da volano per lo sviluppo di una filiera che coinvolga sia la parte di ricerca, sia la parte di industrializzazione e soprattutto la sostenibilità economica per la produzione oltre che la diffusione dei consumi diretti.

Quali sono i passi più importanti da fare per progredire verso la sostenibilità?

La vera scommessa non è tecnologica, ma regolatoria-normativa. Ormai ci sono alcune tecnologie, penso al solare fotovoltaico che sono sostenibili economicamente anche senza aiuti economici. Basterebbe liberare le fonti rinnovabili da tutta la burocrazia e i regolamenti definendo in maniera preventiva ciò che non è fattibile in maniera tale da dare certezza a chi vuole investire nel settore della green economy sia a livello industriale sia a livello di comunità. La sperimentazione delle comunità energetiche sino a 200 kwp per impianti solari fotovoltaici è la “strada” da percorrere dal punto di vista filosofico e di approccio, ma senza limitazioni burocratiche e con la libertà di prodursi l’energia di cui ogni persona ha bisogno anche in un luogo diverso da quello in cui si consuma. E’ lo stesso principio delle stanze di compensazione già attuato da decenni nel settore finanziario e petrolifero. Basterebbe che si replicasse lo stesso principio e lo sviluppo delle rinnovabili.

Nei prossimi anni il comparto delle rinnovabili potrà creare occupazione? Quali saranno le figure professionali più richieste?

Certamente si creeranno opportunità di lavoro sia di carattere tecnico, ma anche di carattere sociale economico. Dipenderà dalla penetrazione e dall’impatto che i modelli di business per produzione ed utilizzo dell’energia  avrà su tutte le persone. Se ci sarà un coinvolgimento democratico e diffuso delle persone ci sarà una economia circolare che creerà valore economico per le persone che conseguentemente cambieranno anche stili di vita.

Sei stato confermato presidente del Distretto Produttivo Pugliese Nuova Energia. Quali sono i tuoi obiettivi per il prossimo futuro?

L’obiettivo della mia Presidenza e di tutta l’autorevole “squadra” che dirigerà nei prossimi cinque anni il Distretto Produttivo regionale Pugliese della green economy sarà di contribuire fattivamente allo sviluppo della green economy pugliese, salvaguardando la tutela del territorio e lo sviluppo delle aziende “local” grandi, medie e piccole, che dovranno interagire anche in ottica di filiera” .

Per tentare di evitare gli effetti più catastrofici del riscaldamento globale, dobbiamo raddoppiare entro il 2050 la produzione elettrica da rinnovabili e, per certe fonti come il fotovoltaico, addirittura decuplicarla. Sarà dunque inevitabile pensare a comeintegrare i grandi impiantia energia pulita in un territorio prezioso come quello pugliese. Le soluzioni ci sono, a partire da quelle per far convivere solare a terra e agricoltura, ma più che la battaglia dei costi, ormai vinta, l’ulteriore sfida per la nostra regione sarà  riuscire a inserirle nel paesaggio.

Perché hai deciso di partecipare al nostro comitato scientifico per promuovere la green education di GECO FOR SCHOOL?

Ho accolto l’invito a far parte del comitato scientifico, in quanto ritengo che l’esperienza acquisita di oltre vent’anni in prima linea nella green economy possa dare un contributo di visione per i prossimi anni partendo dal pragmatismo dell’impresa da trasmettere in maniera tangibile alle future generazioni per far comprendere che la green economy e la sostenibilità non è solo una questione di immagine e sensibilità ambientale, ma può essere futuro lavorativo delle future generazioni.


Tags: comitato scientifico • energie rinnovabili • interviste di geco for school • sostenibilità