I Trecento Guardiani di Calipso

I Trecento piccoli Guardiani della biosfera   di Calipso

Progetto scritto e elaborato dal Cetri-Tires No profit e Nuestro Horizonte Verde Ong e
coordinato da  Marco Antonio Molino e Leonida Bombace per la salvaguardia dell’Ecosistema della foresta Amazzonica Peruviana.

Milioni di individui, specialmente giovani, stanno indirizzando il proprio impulso empatico alle bisognose comunità di indigeni che con la loro cultura della condivisione si dedicano alla salvaguardia degli ultimi ecosistemi selvaggi e incontaminati rimasti sul nostro splendido pianeta.

I giovani hanno incominciato a cogliere l’opportunità di dare vita a una civiltà empatica, profondamente inserita nella comunità della biosfera dove la giustizia economica e ambientale coinvolge le comunità rurali e indigene.
Una nuova filosofia incoraggia la produzione economica decentrata in comunità locali autosufficienti per auto-produzione di cibo, energia e servizi primari , dove la promozione del lavoro artigianale è prioritaria rispetto al lavoro meccanico e industriale. Una visione della vita economica come una missione morale e spirituale, anziché come un’abbuffata materialista, è l’antidoto contro l’avidità e il dilagare dello sfruttamento economico, ed è necessario un impegno disinteressato a favore della piccole comunità del mondo.
L’economia della condivisione inizia nel villaggio locale, per poi protendersi verso il mondo esterno formato da innumerevoli villaggi; i cerchi si propagheranno orizzontalmente, mai verticalmente. Finisce quindi il sistema piramidale ed inizia il modello economico dei cerchi, cerchi oceanici sempre più ampi che comprenderanno l’intera umanità in network orizzontali distribuiti e collaborativi.

Ci alimentiamo della convinzione Ghandhiana che la natura è un campo di risorse limitato e intrinsecamente prezioso, da custodire con cura e non da saccheggiare; la vita di ogni essere umano dovrebbe essere giudicata in ultima istanza dal peso della sua impronta ecologica sulla nostra comune biosfera!

L’ambiente è fonte di sussistenza, ed è rinforzato da altri valori, come la difesa dei diritti territoriali dei popoli indigeni, o l’affermazione di sacralità di particolari elementi della natura (una montagna, una foresta, anche un albero).
L’ambientalismo dei poveri è nato in quella parte del mondo dove spesso gli ultimi si trovano dalla parte della conservazione della natura, contro le multinazionali e lo Stato che non consentono ne lo sviluppo della giustizia sociale, ne il riconoscimento alla partecipazione decisionale sul destino delle risorse; comprendiamo che le lotte per i diritti umani e per l’ambiente sono inseparabili.
Un Nuovo Modello di cooperazione , distribuito, condiviso empatico a Calipso C’è.

Nella persona di segretario generale del Cetri-Tires (Circolo di Terza Rivoluzione Industriale)Leonida Bombace
insieme al Presidente Marco Antonio Molino della Ong Peruviana Nuestro Horizonte Verde che opera nella Foresta Amazzonica Peruviana
abbiamo visionato ed attuato  tanti programmi di cooperazione e partecipato a centinaia di conferenze e dibattiti , ed abbiamo sempre vista delegata la responsabilità decisionale dei cittadini in materia di socio-ambientalismo e cooperazione internazionale , talmente delegata che non sentiamo il bisogno di evolverci nei processi  di cooperazione in senso empatico .

Noi abbiamo deciso come milioni di individui di valutare le cose con i nostri occhi e le nostre mani , e di dare una possibilità reale di condivisione e sostegno nel migliorare la vita di milioni di nostri fratelli e bambini in altre parti del pianeta.

Abbiamo fondato nelle nostre menti un nuovo modello di cooperazione fatta da un donatore e un ricevente, semplice immediato modello di condivisione, senza filtri, senza conferenze, senza capitali statali o aziendali, tutto basato sull’empatia di un essere umano con tanta energia e denaro che sostiene un altro essere umano suo fratello in progetti semplici e che danno un sostegno immediato…

I Social Network hanno dato alla gente la possibilità di verificare e condividere , musica, foto, idee, progetti, brevetti, tecnologie, con noi anche l’empatia per gli ultimi.

I poveri sono I veri ambientalisti
Volevamo anche esprimere il nostro disprezzo verso tutte le forme accademiche di
ambientalismo che non vertono mai per un sostegno pratico alle popolazioni locali
a questi Ego-ambientalisti titolati noi inviamo un messaggio chiaro : tornate con le vostre carte di credito da dove siete venuti, voi è lo dimostra il pianeta siete solo un freno alla sviluppo vero dell’etica ambientale, infatti per noi solo I poveri sono I veri ambientalisti.
 
I popoli tribali hanno sviluppato modi di vita che sono in gran parte auto-sufficiente e straordinariamente vario.
Ma sono ritratti come arretrati e primitivi , semplicemente perché i loro modi comuni sono diversi.
 
Film per azione
Le strutture governative e alcune  Ong  che vivono di finanziamenti pubblici sono dedite alla Cooperazione ma senza essere incisive nella vita reale di questi villaggi.
Si trasferiscono tecnologie sperimentali..spesso  inadeguate al sostegno della vita del villaggio, progetti che finanziano l”idea di cooperazione ma non la vera cooperazione che deve invece rispondere alle esigenze dei locali portando benefici tangibili e durevoli.
Assistiamo anche alla mancanza totale di programmazione e visione di potenti enti internazionali e  governi di fronte alla salvaguardia di queste etnie e della biosfera , basterebbe fornire  sistemi rinnovabili e riparabili  ed energia elettrica fotovoltaica per evitare una grande entropia locale e favorire la salvaguardia dei minori.
L’ego-ambientalismo spinge Governi e Associazioni di professionisti a pensare innanzitutto a loro stessi, pagandosi stipendi, alberghi, voli aerei ed acquistando attrezzature del valore di migliaia di euro con il solo scopo di filmare l’evento della donazione e promuoverlo via social network per avere il consenso e nuovi finanziamenti, spesso lasciando pochi spiccioli per un sostegno operativo e sincero alla comunità locale, spettatrice …….

Siamo al surrealismo ambientalista!

È diventato di moda usare fondi pubblici per finanziare enti caritatevoli che affittano uffici, pagando utenze e dipendenti per poi trasferire in Africa 3 pannelli fotovoltaici ed un inverter e 3 batterie del valore di 1000 dollari, accompagnati da una delegazione di 7 persone per i cui spostamenti, voli e alberghi il costo arriva ad essere di oltre 15.000 dollari, in un rapporto di 1 a 15 .Capite bene che cosi non si può andare avanti, e noi non ci stiamo.


Il Cetri e NHV vogliono diffondere un nuovo modello di ambientalismo degli umili con implicazioni socioeconomiche locali, trasferendo le idee e formando localmente operatori e studenti sulle questioni ambientali .
Le nostre associazioni non hanno la pretesa di avere delle sedi e dipendenti stabili , la buona volontà e l’energia disponibile di tempo e di denaro ” collettato ” viene gestita da esseri umani consapevoli e felici di dedicare il loro tempo per realizzare progetti immediati e semplici di cooperazione ,tutti funzionanti attraverso un democratico processo di raccolta fondi, di trasparenza e controllo   quello che Jeremy Rifkin, nel suo libro La Terza Rivoluzione Industriale, chiama “Potere Laterale”.

Sotto una scena.. da ” Potere Laterale ” applicato secondo noi…….



I nuovi mezzi di comunicazione danno la possibilità ai cittadini di scegliere, valorizzare ed attivare progetti ed iniziative senza le dinamiche classiche che prevedono importanti investimenti da parte di singoli individui facoltosi o di piccoli gruppi di grandi investitori. Ciò comporta una democratizzazione del potere decisionale e una maggiore incisività degli individui nei processi economici e produttivi.

Molti sono gli esempi esistenti di strutture che, principalmente tramite internet, offrono servizi di raccolta e gestione delle donazioni le cosiddette Piattaforme di Crowdfunding ( una piattaforma dove si spiega il progetto nei dettagli e si chiede a tutti I lettori di partecipare alla azione con una donazione anche di pochi dollari ) nate negli anni passati oggi hanno una diffusione che ha interessato gran parte dei Paesi del mondo.

I Social nertwork aiutano con i loro modelli di condivisione la diffusione di appelli e petizioni, consentendo di raccogliere empaticamente consenso e spesso fondi necessari a cambiare radicalmente in meglio il destino di molte comunità.Non si trasferiscono le persone, ma le idee e le conoscenze, che possono essere gestite in loco da personale del villaggio o locale: basta un supervisore e tanta, ma tanta dignità.
In questa nuova forma di cooperazione vi chiediamo di scrivere con noi la storia di un piccolo villaggio Amazzonico, Calipso, dove intendiamo costruire una scuola e acquistare il materiale didattico per 300 bambini per renderli in futuro liberi, istruiti e veri guardiani della biosfera.

Calipso si trova a circa 15 Km dalla città di Iquitos ed è un villaggio formato da più di 400 casette prefabbricate – chiamate “moduli” per ovvi motivi di dimensioni ristrette e tutte uguali, qui vivono più di 400 famiglie, non hanno fognatura, non hanno acqua , poche case hanno corrente elettrica alimentata da generatori a gasolio, non passa il camion della raccolta dei rifiuti e le strade sono fatte di sabbia.

Per essere precisi Calipso e’ costruita su una vecchia Cava di sabbia abbandonata ….

La mattina il sole forte riscalda la sabbia e sembra di stare nel deserto. Non c’è una scuola, e i bambini che vivono a Calipso devono fare tanta strada per raggiungere scuole di altri villaggi e quindi alzarsi presto la mattina. In questo villaggio e in queste piccole casette vivono in estrema povertà le famiglie che prima vivevano in varie parti della città di Iquitos in zone soggette a inondazioni.

Iquitos è la Città avamposto capoluogo della Regione di Loreto che si affaccia sul Rio delle Amazzoni in Perù, prima meta di tanti contadini e raccoglitori nativi nella foresta che per problemi economici, o di salute o per fare studiare I figli si avvicinano alla città…ma non c’è posto per tutti e quindi si creano quartieri isolati anche a 150 km dalla Capitale…
Adesso i poveri abitanti hanno costruito una parte della scuola, ma ancora manca il materiale edile per completarlo, mancano i pavimenti in cemento i muri perimetrali di una parte delle aule e gli impianti tecnologici

È importante avere una scuola all’interno di Calipso molti di questi ragazzi non stanno più frequentandola , non hanno una aula completa e quella  funzionante si trova a circa 5 Km di distanza, e molto non hanno i soldi per acquistare il  materiale scolastico minimo necessario

Il progetto è quello di completare la scuola e di comprare il materiale scolastico per un Triennio a tutti i 300 bambini di Calipso, in alcuni casi grazie ai donatori privati la ong NHV ha già svolto questo lavoro qui è Marco Antonio Molino ha conquistato la fiducia dei bambini entusiasti di ricevere il kit scolastico minimo senza pesare sul bilancio familiare .
Aiutaci a regalare ai bambini di Calipso un futuro migliore: il tuo contributo sarà prezioso per aiutare il villaggio a completare la scuola, dotarla di energia elettrica Solare e donare ai 300 piccoli guardiani della biosfera il materiale didattico necessario a garantirgli un’educazione completa e dignitosa.
Questo progetto consentirà l’acquisto di tutto il materiale necessario per l’intero anno scolastico ( quaderni di vario tipo , penne, matite, materiale per il disegno, colori, carta, carpette, forbici, temperino, matite colorate, zaino, ecc… ). Ciò incrementerà la popolazione scolastica, mettendo tante famiglie indigenti in condizioni di far frequentare con dignità la scuola ai propri figli.

Inizia la scuola a Calipso GUARDA VIDEO Guarda Foto

Le maestre e la consegna delle borse lavoro   Guarda Foto

Educazione Ambientale in Amazzonia nella scuola di Calipso Guarda Video

Reportage sull’Associazione ‘Nuestro Horizonte Verde’ Guarda Video

NHV il CETRI TIRES e la Comunita’ di Calipso sono con Anna Maria Vassallo Guarda Video

Pubblichiamo il Testo tradotto della lettera ricevuta da Roldan Mozombite Acho, presidente della rappresentanza urbana Calipso indirizzata al Cetri-Tires e la Ong NHV

Calipso 5 Agosto 2014
Egregie Organizzazione CETRI-Tires e ONG Nuestro Horizonte Verde.
Io Roldan Mozombite Acho, presidente della rappresentanza urbana Calipso con una popolazione di circa 1800 persone e ubicata nella strada Iquitos- Nauta al Km 12,5 situata nel settore Pigna Negra, Comune di San Juan, Regione Loreto, stato Perù.
Chiedo:
Aiuto sociale, per i bambini che vivono qui dato che sono persone umili che sono state riubicate dalle zone inondabili dei comuni di Punchana, Belen e San Juan. Tutte queste persone vivono in estrema povertà e le autorità ci hanno messo in questo luogo promettendoci vari benefici ma solo sono rimaste le promesse!
La comunità non ha acqua, fognature,non arriva il camion della spazzatura, non funziona la scuola neanche la guardia medica e non esiste un punto della polizia.
Abbiamo un modulo prefabbricato con 3 aule ed una aula di legno che è stata costruita con lo sforzo di noi tutti.
Abbiamo la promessa da parte del ministero dell’educazione che inizierà a funzionare questo mese di agosto ma gli ambienti sono molto ridotti perché abbiamo circa 300 bambini nella scuola elementare.
In questo momento per ultimare e migliorare la scuola esistente mancano :
  1. Pavimentazione di cemento dell’aula di legno e marciapiedi esterni sempre in cemento;
  2. Servizi igienici per la scuola;
  3. Tetto falso nell’aula di legno dato che la copertura in alluminio riscalda molto l’aula;
  4. Pittura interna ed esterna;
  5. Vetri per le finestre;
  6. Serratura con chiusura a chiave delle 4 aule;
  7. Recinto di legno d’avanti la scuola;
  8. Mobili per l’aula di legno, lavagna, scrivania per il professore,armadio;
  9. Istallazione elettrica per tutte le aule e mettere pure corpi illuminanti con fluorescente;
  10. Scatola pronto soccorso e estintori;

con gratitudine Roldan Mozombite Acho

Roldan Mozombite Acho con Marco Antonio Molino durante la stesura della lettera sopra tradotta.

Ringraziamo Roldan Mozombite Acho, presidente della rappresentanza urbana di Calipso e ci attiveremo per intervenire concretamente nella fornitura di kit scolastici per poi piano piano intervenire su tutti gli altri necessari investimenti …che possono essere realizzati in dipendenza della generosità di chi vorrà aiutarci con piccole donazioni.

Una RETE  Collaborativa grande come il RIO delle Amazzoni
salverà la biosfera dal buio del liberismo dei mercati.

Il Cetri e NHV doneranno a 300 bambini questo Kit cosi composto :

Foto Kit e donazione tipo

Kit “Adozione Scolastica” per un biennio scolastico:

01 Carpetta per conservare i fogli
02 Quaderno per disegno
03 nastro adesivo
01 Vocabolario scolastico lingua spagnola
150 Fogli bianchi A4
09 Matite 2B
06 Penne blu
04 Penne rosse
06 Quaderni grandi a quadri
06 Quaderni grandi a righe
03 Quaderni doppia riga per calligrafia
01 Confezione di Colori a spirito
02 Confezione di matite colorate
01 Forbice per bambini
01 Temperino
01 Gomma bianca

01 Colla vinilica bianca


Il costo del Kit è di circa 62 Euro per un Biennio scolastico considerando i costi di trasferimento e di trasporto fino alla consegna fisica e la gestione fiscale e amministrativa; a questo prezzo bisogna aggiungere 62 soles di spese bancarie e tasse in Perù che bisogna pagare per qualsiasi trasferimento di denaro via banca al Governo, 62 Soles e equivalgono a 18 Euro , il totale per una “Adozione Scolastica” annuale è quindi di circa Euro 80,00

Per 300 kit equivale ad un Totale Parziale di Euro 24.000,00 ( ventiquattromila/00)

Inoltre vogliamo completare I lavori di adeguamento della scuola
Descrizione Lavori della scuola da eseguire
Preventivo lavori per ultimare la Scuola d Calipso con indicazione del costo unitario.
  • Pavimentazione con massetto di cemento dell’Aula di legno e marciapiede frontale della scuola: 50 sacchi di cemento = 1300 /s
  • Servizi igienici creare 5 bagni = 5000 /s
  • Controsoffitto dell’Aula in legno perchè il tetto in questa aula è di alluminio e riscalda molto l’aula di giorno =1397 /s
  • Pittura interni ed esterni di tutte le aule = 1300 /s
  • Vetri mancanti nelle finestre già esistenti=860 /s
  • Maniglie e serrature delle 4 aule = 240 /s
  • Recinto in legno nelle parte anteriore della scuola = 1905/s
  • Mobili mancanti dell’aula di legno 30 banchi piccoli e 30 sedie, scrivania professore con sedia, armadio, lavagna = 5720 /s
  • Istallazione elettr. e illuminazione interna ed esterna della scuola = 4440 /s
  • Cassetta medica e Estintore uno per salone = 870 /s
Soles/Euro  l’importo equivale ad un Totale di circa 6.000,00 Euro ( Seimila/00)


Sarebbe Ora di darci una svegliata in fondo un piccolo gesto
di solidarietà migliora anche la nostra esistenza empatica.

Il Cetri-Tires promuoverà l’iniziativa attraverso tutti i suoi canali e reti collaborative e supporterà NHV nel raccogliere Euro 30.000,00 ( Trentamila/00) necessari alla realizzazione del progetto esposto , Nuestro Horizonte Verde Ong si impegna a certificare e rendicontare e donazioni direttamente ricevute verrà pubblicato via Web un conto scalare delle somme raccolte con indicazioni di ogni singolo donatore.

il bambino è per natura un essere d’incanto, un essere che sperimenta la leggerezza e che non conserva dolore, il nostro futuro
è il nostro presente sono nelle nostre mani.

Aiutateci con piccole donazioni, anche da 100, 50, minimo  30 euro  ( visto il costo di 18 euro per ogni transazione imposta dal sistema bancario Peruviano che ci verrà trattenuta per ogni vostra donazione ) potete fare tanto anche con poco, vi daremo informazioni, immagini e rendiconto di ogni singolo centesimo e proverai anche tu l’emozione di condividere con Noi la folle idea di progettare nuove Comunità interconnesse e Collaborative

Modalità di donazione libere

fino al raggiungimento degli obiettivi vi riportiamo i dati del  conto bancario in Perù di Nuestro Horizonte Verde Ong per inviare i bonifici dall’Italia o tramite Paypal cliccando sul bottone.




Grazie dagli abitanti di Calipso per Voi.

Dati Bancari

Conto intesatato a: Nuestro Horizonte Verde
Banca: Banco Internacional del Perù –  Interbank
C/C n. 00374701305414874731
Codice Swift: BINPPEPL
Indirizzo Sede Centrale Interbank : Carlos Villaran n.140, Lima 13, Perù.
Dati Fiscali e Contatti

Nuestro Horizonte Verde Ong
Calle Ricardo Palma N°118 Iquitos (Maynas) Perù
RUC:20528176098
e-mail: info@horizonteverde.org
GRAZIE

dal Circolo Europeo di Terza Rivoluzione Industriale e Nuestro Horizonte Ve

Natale 2014 – “Chocolatada a Calipso” guarda video