EUROPA VERDE: SENATORE ARRIGONI DISINFORMATO SU GAS E NUCLEARE, E’ LUI A DOVER RIPASSARE IL COPIONE INVECE DI GASSMANN

“Arroganza e ignoranza, potremmo riassumere con questo binomio il commento del senatore leghista Paolo Arrigoni che definisce gas e nucleare sostenibili e sicuri, rispondendo alle osservazioni di Alessandro Gassman, che invita a studiare” – così in una nota stampa i co-portavoce nazionali di Europa Verde – Verdi, Eleonora Evi ed Angelo Bonelli, che aggiungono:

“Ad essere disinformato è proprio Arrigoni, che tira in ballo l’aumento delle bollette degli Italiani, omettendo di precisare che è proprio l’eccessiva dipendenza dal gas a determinare questa situazione. Non è ammissibile che si continui a dar fiato a questa narrazione della transizione ecologica come bagno di sangue, ignorando che una transizione ben gestita rappresenta un’opportunità imperdibile per rilanciare la nostra economia e creare nuovi posti di lavoro in settori diversificati. E ancora, come si può definire sostenibile l’energia nucleare solo perché produce un limitato quantitativo di CO2, dimenticando che ad oggi il problema delle scorie nucleari resta irrisolto e andrà a gravare pericolosamente sulle spalle delle future generazioni?

Il senatore asserisce cose false anche quando sostiene che questo governo incentiva le rinnovabili: il decreto caro bollette di Cingolani del Ministero della Transizione Ecologica è l’esempio lampante di come invece si stia sabotando la transizione ecologica, tagliando i fondi alle rinnovabili e non gli extra profitti, pari a 4 miliardi di euro solo nel 2021, accumulati dall’industria fossile grazie all’aumento del prezzo del gas, mentre i 18 miliardi di euro di sussidi pubblici erogati dallo Stato alle fonti fossili vengono ridotti di un ridicolo 0,58% .
Restare ancorati a gas e nucleare significa legarsi a filo doppio al passato, perdendo un’occasione irripetibile per diventare competitivi nelle sfide del futuro.Forse, più che Gassmann, è Paolo Arrigoni a dover ripassare il copione” – concludono Evi e Bonelli.

Fonte Greens/EFA – 08.02.2022

#Europa #Verde #nonucleare #ignoranza #energia #sostenibile #caro #bollette #dipendenza #transizione #ecologica #sangue #economia #lavoro #CO2 #climatechange #rinnovabili #futuro