Dopo aver fatto affidamento sulla Russia per l’energia solare, siamo passati nelle mani della Cina

Intervista del nostro presidente Angelo Consoli su PANORAMA – 3 giugno 2022 – Fonte >>> Dopo aver fatto affidamento sulla Russia per l’energia solare, siamo passati nelle mani della Cina (theworldnews.net)

Sono gli umani a commettere errori, ed è il demoniaco o forse solo gli europei che sopportano. L’Europa fa affidamento sul gas e sul petrolio della Russia, quindi nel mezzo di una crisi energetica globale che deve correre per la copertura, sta cercando l’energia solare acquistando pannelli volta dalla Cina. .. Una nuova dipendenza che ci lega alle superpotenze di un altro mondo e ci tiene lontani dall’indipendenza energetica senza precedenti dell’Europa. In Cina, le esportazioni (PV) di prodotti fotovoltaici nel 2021 sono aumentate di circa il 60% anno su anno, con un fatturato di 28,4 miliardi di dollari. Ma questo è solo l’inizio, poiché il programma di ripotenziamento dell’UE prevede di investire circa 300 miliardi di dollari, il che non farà che aumentare la fornitura di pannelli solari dalla Cina. Fondi utilizzati per produrre energia verde raddoppiando l’uso di questi pannelli per sostituire 2 miliardi di metri cubi di gas ed eliminando la dipendenza energetica da Mosca entro il 2027. Secondo l’Unione Europea, infatti, l’uscita del gas strategico dalla Russia fa parte del programma RepowerEu, che è quello di aumentare e fare affidamento sul PIL cinese.

Ma quando si parla di energie rinnovabili dichiariamo che stiamo andando molto meglio del previsto, anche se l’Europa, soprattutto l’Italia, ha sempre giocato un piccolo ruolo a livello mondiale, quindi il ministro Cigolani è ottimista.

I pannelli sono realizzati con wafer di silicio e Taiwan è il più grande produttore al mondo. Il silicio è onnipresente, ma oggi non si parla di incoraggiare la produzione in Europa. Stiamo solo pensando di acquistare quanto più silicio possibile dalla Cina. Questo perché la produzione richiede l’intera filiera, e la sua nascita e realizzazione (come sempre) non richiede poco tempo.

Ma Bruxelles non può fare il passo successivo qui. Continua a cercare e rimandare con Paesi che abbracciano il nucleare e altri Paesi (come l’Italia) che non possono nemmeno parlarne senza una politica energetica comune.

“L’industria solare è morta nel 2007 e nessuno ha detto niente. Ci è voluta una guerra in Ucraina per capire che dovevamo sbarazzarci dei fossili. Il sole ci dà tutta l’energia di cui abbiamo bisogno, quindi dobbiamo riaprire il mercato italiano alla sovranità. In effetti, questo Paese è un’indipendenza energetica senza precedenti. ” Commenta Angelo Consoli, Fondatore e Presidente di CETRI – TIRES.

Perché le installazioni di pannelli solari sono diminuite nel corso degli anni?

“Il decreto Roma 2010 ha modificato il sistema degli incentivi e delle entrate per l’installazione dei pannelli solari, riducendolo. Sono stati infatti revocati retroattivamente tutti gli incentivi e il solare. Il tasso di crescita del pannello è notevolmente diminuito. Molte piccole e medie imprese organizzate in questo settore sono morte. Senza legislazione oggi probabilmente non avremmo dovuto ricorrere alle riparazioni oggi, esattamente il contrario. Oggi è troppo tardi per recuperare il ritardo con l’energia solare. Ad esempio, la Germania ha ha sempre investito su di noi, infatti acquistiamo pannelli non solo dalla Cina, ma anche dagli Stati Uniti e dalla Germania. Pochi li producono, il leader mondiale è Taiwan, e quasi tutti li comprano. Produrli qui significa ricominciare da zero».

PANORAMA – 3 giugno 2022 – Fonte >>> Dopo aver fatto affidamento sulla Russia per l’energia solare, siamo passati nelle mani della Cina (theworldnews.net)