8 giugno – Giornata Mondiale degli Oceani: l’Università di Siena sul fiume Merse con studenti di istituti superiori di Chianciano e Colle Val D’Elsa in collaborazione con Plastic Free Onlus

In occasione del World Oceans Day, l’Università di Siena, in collaborazione con la onlus Plastic Free, ha organizzato una giornata di attività per promuovere la tutela dell’ambiente marino attraverso l’esperienza diretta della pulizia di un fiume del nostro territorio tesa a trasmettere la consapevolezza che la maggior parte dei rifiuti e delle sostanze inquinanti arrivano al mare attraverso fiumi e torrenti.

I comportamenti scorretti che ci hanno indotto e ci inducono ad un
eccessivo utilizzo di plastica e ad una dispersione incosciente di questo
materiale nell’ambiente sono i veri responsabili della enorme quantità di
frammenti indistruttibili che giungono in mare con conseguenze disastrose
per il suo ecosistema.

Come sappiamo, le acque dei fiumi, già contaminate da scarichi industriali
ed agricoli e da prodotti fitosanatari, sono già abbondantemente
compromesse e riversano inesorabilmente in mare una potenza distruttiva
senza precedenti.

Per questo i ricercatori del dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e
dell’Ambiente dell’ateneo senese che hanno dato vita all’incubatore
“Magiamare Siena” hanno deciso di coinvolgere in questa campagna di
“recupero e tutela” i rappresentanti delle generazioni di domani. Infatti,
lavoreranno insieme agli studenti dell’Istituto superiore Pellegrino Artusi
di Chianciano
e del Liceo Classico Alessandro Volta di Colle Val D’Elsa che si incontreranno domani 8 giugno alle ore 9,30 per “salvare” insieme ai responsabili scientifici da sempre dedicati a queste iniziative e il Segretario Generale di Plastic Free, Antonio Rancati, in località Brenna sulle rive del fiume Merse, simbolo e centro vitale del nostro territorio.

Il Merse (la Merse per i toscani) è un fiume della Toscana che nasce nelle Colline Metallifere, dalle sorgenti tra Poggio Croce di Prata e Poggio di Montieri (quota 848 m). Fonte Wikipedia