Mario Cucinella Architects firma il masterplan del Parco Oltreferrovia di Carpi con oltre 100.000 metri quadri di verde pubblico

MC A – Mario Cucinella Architects ha ideato con PAISÀ Landscape il masterplan del Parco Oltreferrovia di Carpi. Il parco, con oltre centomila metri quadri al suo completamento, sarà l’area verde pubblica più grande in città con un importo delle opere per il primo stralcio che si aggira intorno a un milione di euro.

Il disegno del masterplan del Parco Oltreferrovia nasce dalla volontà del Comune di Carpi di dar vita ad una mediazione tra la città storica e l’esteso spazio agricolo situato alle spalle della linea ferroviaria.

Spiega Mario Cucinella, fondatore e direttore artistico di MC A – Mario Cucinella Architects «Il nuovo parco agirà come un connettore così come una foglia porta linfa attraverso le sue nervature. Il parco riconnetterà il centro storico ad una nuova oasi di biodiversità a disposizione della cittadinanza di tutte le età. La nostra volontà è creare un’esperienza che sia attrattiva e punto di riferimento per l’intera comunità carpigiana, e non solo data vicinanza dell’università, in cui lo stare all’aria aperta si trasforma in un’emozione speciale»

Il progetto è il frutto di un percorso di partecipazione avviato dal Comune attraverso la condivisione alla cittadinanza di un questionario da cui si è appresa la volontà di avere un’area verde che permettesse di riconnettersi con lo spazio circostante naturale e, nel contempo, anche la necessità di poter praticare attività sportiva e rilassarsi all’aperto. Il percorso partecipato ha offerto alla comunità locale l’opportunità unica di contribuire attivamente alla progettazione di uno spazio che rispondesse direttamente alle loro necessità.

Per poter soddisfare al meglio tutte le richieste dei cittadini il parco è stato pensato come uno spazio in continua evoluzione, sviluppabile per stralci futuri, e dal sapore dinamico, in modo che possa crescere e adattarsi alle esigenze della Comunità.

Seguendo e riportando alla luce il reticolato proprio del paesaggio agricolo, il disegno si articola in quelle che sono state chiamate “stanze”, ovvero spazi suddivisi in tre macrocategorie tematiche: eventi e servizi, dove, in una di queste stanze si ha uno degli ingressi principali al nuovo Parco a cui si accede dal nuovo sottopassaggio ferroviario, un luogo che fino a poco prima era stato di rottura tra il centro storico della città e la maglia agricola “oltre” la ferrovia e che ora diventa il punto di partenza di questa esperienza da cui si snodano i percorsi ciclo-pedonali che connettono il Parco con il nuovo Polo Universitario e con i Quartieri Residenziali; stanze attrezzate, dedicate alle attività più dinamiche come fitness a corpo libero e caratterizzate da campi attrezzati, aree picnic e barbecue per famiglie, zone lettura e relax e stanze gioco per bambini; stanze naturali dove l’attenzione è rivolta a creare ambienti biodiversi e attenti alla tipicità del luogo, qui avremo stanze adibite ad orti sociali, dove i cittadini potranno esser coinvolti in prima persona, giardini tematici, campi fioriti, boschi ecc.

Il progetto del verde si muove nel ripristino delle memorie paesaggistiche del territorio padano che lo caratterizzavano fino alla metà del secolo scorso. Nel passato, infatti, il territorio risentiva fortemente della compresenza di ambienti di vario tipo, da boschi periziali, a zone umide e corsi d’acqua. La morfologia a reticolato proprio del paesaggio agricolo si mescola al nuovo disegno, in cui al centro, una sorta di belvedere determina il senso di apertura del grande prato centrale, valorizzando la continuità visiva sia con la città storica sia con la limitrofa campagna. Dal grande cuore verde centrale, il verde permea a Nord e a Sud, attraverso dei filari alberati che seguono le assialità pedonali e ciclo pedonali di connessione, nei giardini e nelle aree di pertinenza dei servizi come quasi una sorta di prolungamento della naturalità.

Crediti di progetto

Luogo: Carpi (MO), Italia

Anno: 2021 – in corso

Cliente: Comune di Carpi

Progetto: Mario Cucinella Architects con PAISÀ Landscape

Team: Mario Cucinella, Giulia Mariotti, Benedetta Mingardi

Landscape: PAISÀ Landscape

Visual: Alessia Monacelli, Gianlorenzo Petrini (Mario Cucinella Architects)

Biografie MC A – Mario Cucinella Architects e PAISÀ Landscape

Fondato nel 1992 a Parigi da Mario Cucinella, lo studio MC A – Mario Cucinella Architects ha oggi sede a Bologna e Milano ed è composto da oltre 100 professionisti. MC A è specializzato nella progettazione architettonica che integra strategie ambientali ed energetiche, avvalendosi di un dipartimento di R&D interno, che porta avanti le ricerche sui temi della sostenibilità secondo un approccio olistico. Lo studio ha realizzato progetti in Europa, Cina, Africa del Nord e Centrale, Medio Oriente, Sud America e attualmente ha in corso di progettazione e/o costruzione circa una cinquantina di progetti. Il dipartimento di Product Design ha lanciato nel 2018 MC D – Mario Cucinella Design focalizzato sul tema del riciclo e dell’economia circolare con all’attivo numerose collaborazioni con le più note aziende del Made in Italy. Nel 2015 Mario Cucinella fonda SOS – School of Sustainability, per la formazione di una nuova generazione di professionisti nel campo della sostenibilità, in grado di affrontare le grandi sfide globali in campo economico, ambientale e sociale. SOS collabora in sinergia con lo studio. SOS dal 2021 ha trasferito la propria sede a Milano. Nel 2021 lo studio partecipa a COP26, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti di Glasgow con il progetto TECLA – Technology and Clay il primo modello innovativo di abitazione ecosostenibile stampato in 3D interamente in terra cruda locale progettato da MC A – Mario Cucinella Architects e WASP, esposto nella mostra virtuale Build Better Now, e come unica realtà di progettazione italiana firmataria di “1,5°C COP26, Communiqué” di Architecture 2030, una lettera aperta ai governi che dimostra l’impegno delle aziende e delle organizzazioni a rispettare il piano dell’abbassamento di 1,5°C dell’accordo di Parigi e chiede ai governi di fare lo stesso.

PAISA’ Landscape è un gruppo interdisciplinare di professionisti specializzati nel settore dell’Architettura del Paesaggio.

L’immagine del bel paesaggio è lo spirito del lavoro quotidiano con cui il fondatore Antonio Stignani opera dai primi anni 90’ per proporre il paesaggio utile, urbano e naturale. La società di ingegneria PAISA’, con sede a Ravenna, studia e propone il paesaggio attraverso un progetto interdisciplinare dove la creatività e la ricerca sono strumenti quotidiani per comprendere l’anima dei luoghi e riproporre la bellezza e la complessità della tradizione del paesaggio italiano ed europeo. PAISA’ progetta e realizza parchi e aree naturali, infrastrutture sportive, piazze e parcheggi, aree litoranee, applicando criteri attenti all’equilibrio con la natura e l’ambientale, apportando ai luoghi una rinnovata identità contemporanea culturale, ambientale e sociale. Il team di lavoro comprende diverse figure professionali tra cui Paesaggisti, Architetti, Agronomi, Naturalisti, Ingegneri e Designer per la progettazione, realizzazione delle opere e direzione lavori.