Domenico De Rito, Architetto della Luce, insignito del prestigioso “Premio Alveare” a Villa Rendano (Cosenza)

Nell’affascinante cornice di Villa Rendano a Cosenza, si è svolta la V edizione del premio Alveare pensato da Confapi Calabria. Un’occasione per premiare le imprese, i talenti e le start up che si sono distinte, tra cui il nostro caro Architetto Domenico De Rito del comitato scientifico CETRI-TIRES, a cui vanno i complimenti di tutto il Consiglio Direttivo per il prestigioso premio ricevuto.

Palazzo Rendano – Cosenza

La serata/evento, magistralmente presentata dalla dott.ssa Annarita Callari, ha visto la partecipazione di numerose realtà imprenditoriali che rappresentano il made in Calabria e il made in Italy nel mondo. Fortemente voluta dal vulcanico presidente Confapi Calabria, dott. Francesco Napoli. La V Edizione del Premio Alveare, è stata occasione per ricordare anche il quarantesimo compleanno del corpo intermedio e omaggiare le PMI, vera forza del futuro miracolo economico italiano.

Tra i premi speciali quest’anno anche l’Alveare alla legalità, conferito al procuratore aggiunto di Cosenza, dott.ssa Marisa Manzini, per l’impegno e la dedizione nella lotta contro il malaffare. Il Premio Alveare, inoltre quest’anno, è stato anticipato da un workshop, tenutosi sempre a Villa Rendano alla presenza di Federico Carli, docente di Global economics challengers alla Luiss di Roma, nipote di Guido Carli, noto economista.  Il prof. Federico Carli, anche lui è stato premiato durante la serata del 22 settembre 2020.

Il Premio “Vito Napoli” è stato conferito all’Architetto della Luce Domenico De Rito

Parte da lontano la ricerca e il lavoro dell’Architetto Domenico De Rito (www.domenicoderito.it) che, elabora la disciplina del linguaggio luminoso come parte integrante del processo progettuale complessivo, puntando alla salvaguardia dell’ambiente, al benessere della gente e alla riduzione dei consumi energetici, per uno sviluppo sostenibile ed economia circolare.

Arch. Domenico De Rito

Esperienze significative:    

2004, Cosenza – Convegno, Luce e scenografia urbana

2005, Cosenza – Concorso di idee “Cosenza vive il Castello” progetto premiato per la qualità della proposta; Il Castello Svevo illuminato con Luce calda; la Luce diventa colorata solo per comunicare.            

2006, Cosenza – Convegno, Linguaggi di Luce per i luoghi urbani e per i Beni Cultuali

2006, Cosenza – Convegno, Paesaggi Urbani della Luce, Architettura, Ecoluce e Colore

2007, Rende (Unical) – Lezione, Racconti di Luce

2009, Cosenza – Presentazione del Progetto preliminare, Riqualificazione dell’area di via padre Giglio e via Marafioti. Luce dinamica.

2015, Reggio Calabria (Facoltà di Architettura) – Convegno/Mostra/Pubblicazione, 100 Idee per Reggio Calabria Città Metropolitana – Luce Metropolitana

2015, Cosenza – Convegno – LA CULTURA DELLA LUCE – Intervento del Rettore Bianchi: La luce è importante lo sappiamo, pochi sanno ancora oggi soprattutto negli ambienti professionali degli addetti ai lavori, quale ruolo può giocare e deve giocare la luce, invece, quando si parla di lavorare nel corpo vivo della città soprattutto nel rigenerarla, questa iniziativa, non solo iniziativa, dell’arch. De Rito, il suo lavoro, la sua linea di ricerca, la sua linea professionale, che è quella di affermare questo ruolo mi sembra che oggi vada sottolineata particolarmente, abbiamo smesso di parlare di grandi espansioni urbane, abbiamo smesso di parlare delle magnifiche sorti e progressive di città che poi sono diventate inospitali, parliamo di rifare il volto a queste città e nel rifarlo la luce ha un ruolo assolutamente centrale.

2015, Venezia – Convegno/Mostra, Light in the Interior Design

2016, Montreaux – Mostra, La Luce valorizza la storia

2019, Triennale (Mi) – Mostra/Pubblicazione San Nicola Arcella, all’Arcomagno il fascino del corten con la luce che non disturba il cielo stellato (progetto in fase di realizzazione)

Il Castello Svevo illuminato, Cosenza. Luce calda, che può diventare colorata per comunicare iniziative o particolari eventi

la luce,
quella naturale e quella disegnata dall’uomo,
mi ha sempre attratto,
per la capacità di mutare radicalmente la percezione
di uno spazio o di un oggetto;
si può modellare, confrontandosi con l’ombra!

domenico de rito