Straordinario successo commerciale dei prodotti NO CAP.

Hanno fatto registrare il tutto esaurito le prime forniture di prodotti certificati da aziende etiche e sostenibili tramite il bollino NO CAP con la matrice multi criteri elaborata dagli esperti del CETRI per la valorizzazione delle aziende virtuose che pure esistono e sono molte di più sul nostro territorio di quante non facciano ricorso agli squallidi sistemi schiavistici conosciuti con il nome di caporalato.

Il mercato ha risposto alla sfida del gruppo di distribuzione pugliese Megamark, guidato dalla famiglia Pomarico, che ha vinto la sua sfida riuscendo a coniugare qualità dei prodotti, convenienza, e anche etica e sostenibilità eco ambientale delle aziende fornitrici.

L’operazione per il momento è limitata al centro sud del Paese dove è presente la distribuzione commerciale dei supermercati del marchio Megamark (Famila, DoK, A&O e Sole 365).
I prodotti certificati attraverso la matrice multi criteri ideata dagli esperti del CETRI, sono presenti anche in alcuni esercizi commerciali di Roma, come quelli del gruppo Biopolis.

Tali prodotti saranno distribuiti anche in tutto il resto del paese, da altre aziende quali la Goodland dell’inarrestabile lucio Cavazzoni, inventore del celeberrimo marchio Alce Nero

A questa pagina è possibile scaricare il brichure illustrativo del progetto NO CAP https://www.nocap.it/wp-content/uploads/2019/11/Presentazione-No-Cap.pdf

Il progetto prevede non solo la paga etica dei lavoratori impegnati e la loro dotazione di tutti i dispositivi di sicurezza quali tute di protezione, guanti anti graffio, scarponi anti scivolo e occhiali anti sole, ma anche la presa in carico di luoghi dignitosi dove farli dormire anziché gli ormai tristemente famosi ghetti, e sistemi di trasporto sicuri per evitare che si ripetano tragedie come quelle che nell’agosto dello scorso anno hanno determinato una vera e propria strage sulle strade del foggiano, facendo morire ben 16 lavoratori in due diversi incidenti in due giorni consecutivi (https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/08/06/foggia-sono-10-braccianti-migranti-morti-un-incidente-stradale-ci-sono-feriti/4541600/)

Il CETRI si congratula con il suo vicePresidente Yvan Sagnet. leader della associazione NO CAP, per la felice intuizione che la lotta al caporalato possa essere molto più efficace se valorizza le imprese che non vi fanno ricosro aiutandole a conquistare nuovi mercati che se si limita alla pur necessaria azione di denuncia e protesta.

Yvan Sagnet e la passata “NO CAP”

Vanno ricordati anche il coraggio visionario di tutti gli attori della distribuzione, dal gruppo Megamark, a Biopolis e a quanti si aggiungeranno alla iniziativa per la diffusione dei prodotti di aziende certificate NO CAP

Adesso per la seconda “ondata” stanno per arrivare sul mercato i prodotti invernali dell’ortofrutta fresca di filiera corta di aziende certificate NO CAP,