Rifkin fra le stelle

Jeremy Rifkin è stato intervistato da Davide Casaleggio per il Blog delle Stelle per ben cinque giorni consecutivi la settimana scorsa.

Davide Casaleggio

L’intervista partiva dalla necessità di esplorare gli sviluppi sociali ed economici del dopo Coronavirus ma ha poi spaziato, come era inevitabile, sui temi cari al noto professore americano che ha ispirato le strategie di leader mondiali come Angela Merkel, Zapatero, Xi Jin Pin, e le strategie economiche della Commissione Europea fino all’attuale Commissione Europea guidata da Ursula von der Leyen.

La prima parte dell’intervista, andata in rete lunedì sei aprile e l’ultima venerdì 10 aprile. La conversazione è scorrevole e disinvolta e un Rifkin visibilmente a suo agio con il suo interlocutore spazia a ruota libera sugli argomenti principali del suo nuovo libro, gettando squarci di luce su un futuro che in questo momento di crisi sanitaria appare incerto e avvolto dalle tenebre.

Un contributo di idee particolarmente necessario e dunque benvenuto in questo momento di confusione, disperazione e insicurezza nel quale si affacciano soprattutto dubbi e timori sulle prospettive di uscita da una crisi di cui non si riesce a prevedere la fine e i danni sanitari, economici e sociali. Un contributo che porta speranza a chi ha voglia di ripartire presto e bene mettendosi rapidamente e definitivamente alle spalle no dei periodi più brutti che l’umanità abbia mai attraversato. Jeremy Rifkin ha portato a sintesi questa sua visione nel suo nuovo libro IL GREEN NEW DEAL GLOBALE che ha presentato anche in Italia, e in questa occasione ha incontrato la Sindaca di Roma, Virginia Raggi.

Jeremy Rifkin e Virginia Raggi con il GREEN NEW DEAL

Vale la pena di ricordare che Roma è al centro delle attenzioni del visionario professore americano già da dieci anni. Infatti già nel 2010 Rifkin era stato chiamato ad chiamato ad elaborare un Master Plan per la Biosfera di Roma Capitale, che prevedeva già all’epoca che Roma si posizionasse all’avanguardia delle Città per la transizione energetica verso un modello post carbon ad alta intensità di lavoro, e rispettoso di ambiente e clima.

Il MASTER PLAN di Rifkin per Roma Capitale

Quel piano era stato elaborato con la collaborazione del prof. Livio de Santoli, pro Rettore dell’Università La Sapienza incaricato delle politiche energetiche che con Rifkin aveva scritto uno dei suoi libri più famosi, Le Comunità dell’Energia, per il quale sarebbe poi stato insignito del TRI Award, il riconoscimento che premia chi si distingue per l’affermazione dei principi e dei valori della Terza Rivoluzione Industriale.

Jeremy Rifkin e Livio de Santoli con il TRI Award 2012

Di tutto questo e di molto altro ha parlato Jeremy Rifkin con Davide Casaleggio sul Blog delle Stelle nelle cinque interviste che adesso andiamo a vedere più in dettaglio.

LE CINQUE INTERVISTE DEL BLOG DELLE STELLE A JEREMY RIFKIN

La prima delle cinque interviste, pubblicata lunedì 6 aprile, si incentra sull’analisi della nuova era, da Rifkin definita era della resilienza, che permetterà al genere umano di convivere con minacce globali come questa pandemia.

La seconda intervista pubblicata martedì 7 aprile illustra come le grandi rivoluzioni economiche nascano quando si verifica una convergenza fra un nuovo regime energetico, un nuovo modello di informazione e comunicazione e un nuovo sistema di trasporto che permettono un vero e proprio salto quantico nello spazio-tempo come è successo quando si è passati dalla Prima Rivoluzione Industriale, basata sull’energia del carbone, sul treno a vapore e sulla stampa meccanica, alla Seconda Rivluzione Industriale, basata sul petrolio, sulle auto, gli aerei e sulle comunicazioni radio e video.

Oggi, siamo alle soglie della Terza Rivoluzione Industriale, basata sull’energia solare in tutte le sue forme che converge con la comunicazione di internet e la mobilità sostenibile elettrica e a idrogeno a zero emissioni, di cui Beppe Grillo ha cominciato ad occuparsi già oltre 15 anni fa nel suo blog.

La terza intervista pubblicata mercoledì 8 aprile, verte sulla digitalizzazione dell’economia e il passaggio a una nuova economia della condivisione.

La quarta intervista andata in rete giovedì 9 aprile approfondisce la problematica della sharing economy e della transizione verso un’era in cui non conterà più la proprietà di beni e servizi ma l’accesso ad essi, come dimostra in modo esemplare il car sharing, che solo 20 anni fa sarebbe stato completamente inimmaginabile e oggi è diventato diffusissimo, e si interroga su come cambierà il mondo e la stessa organizzazione del lavoro in una economia basata non più su transazioni ma su flussi di scambi.

Nella quinta e ultima intervista, pubblicata venerdi 10 aprile, Rifkin orienta la riflessione sulle forme che assumeranno le imprese nella nascente Terza Rivoluzione Industriale che verrà accelerata dalla crisi del Coronavirus, e in che modo le ESCO rivoluzioneranno il mondo dell’energia rinnovabile distribuita di origine solare e alla portata di tutti, una vera e propria democratizzazione dell’energia, un settore che ha sempre provocato morte guerre distruzioni e inquinamento.