David Sassoli: Today it is time to conclude for the good of the citizens

Il discorso completo del Presidente David Sassoli in italiano è disponibile qui.

Key extracts of the speech of European Parliament President David Sassoli to the European CouncilOn the MFF and Recovery Fund:

“As we are all painfully aware, 2020 is a year that will go down in the history books. The pandemic we are facing is unprecedented, as are the measures we have devised to tackle it and its consequences.“In this very room, in July, less than five months ago, you took historic decisions. The European Union’s determined response has been much appreciated by people in Europe. Since July, we have worked unceasingly with the German Presidency and the Commission to further improve the terms of the agreement reached, for the benefit of our citizens. It is now time to make that agreement final. This year unlike any other is coming to an end. The crisis exacerbated by the second wave of the pandemic is worsening and we do not yet have a recovery plan or an MFF for the coming years. The 2021 budget on which the Council and Parliament have reached agreement has not yet been formally adopted.

“We reached a very satisfactory agreement on the package comprising the MFF, the Recovery Fund and new own resources, delivering more money for key EU programmes and a robust rule-of-law mechanism. Parliament is not prepared to see the results we achieved called into question.
“I hope that a solution will be found by tomorrow which will enable us to vote on the MFF and the Rule of Law Regulation next week. Of course, we will examine in detail the conclusions of the European Council, and we hope that they will be consistent with the spirit and letter of the compromise reached, in particular on measures to safeguard the rule of law. It is important that, once all the arguments have been heard and unity has been restored, the Union moves forward with all 27 Member States.
“Since July, the German Presidency has spared no effort to negotiate the texts to be approved now by the Council and Parliament. I should like to thank you personally, Chancellor Merkel, for your commitment, for your determination to find the best solution in the interests of everyone. It has been an honour and a pleasure to work with you.”

On COVID-19, Health Union, and vaccines, the President stressed:
“The COVID-19 pandemic has invaded and upturned our lives and brought our societies to a standstill with terrifying speed. The virus has exposed our weaknesses, but it has also shone a light on our strengths and our core values, in particular solidarity and responsibility. Our European social model is what sets Europe apart. During the pandemic, nobody has been refused hospital care because they don’t have a credit card. We can rightly be proud of this, and we should ensure that it continues to be the case.
“We had to react rapidly to the crisis by devising responses and policies that previously would have been unthinkable, given the economic, political and democratic hurdles involved. We had to take major long-term decisions, and yet our answers had to be immediate.
“The crisis has therefore been a wake-up call which has given us licence to imagine a more sustainable development model with environmental and social justice at its core. Even if the crisis is not yet behind us, there are reasons to be hopeful, provided we have the courage to translate this vision into practical action.
“Firstly, in recent weeks we have at last seen some positive developments in the fight against COVID-19, such as the rudiments of a Health Union and progress on vaccines. We need a broad and varied portfolio of potential vaccines, in order to guarantee coordinated and fair distribution in the EU and rule out vaccine nationalism. The next steps will not be easy: once the vaccines have been approved, their success will largely depend on citizens’ trust and the efficiency of national campaigns. As leaders, we must focus our efforts on this.
“A business-as-usual approach will not put an end to the pandemic. Everyone must play a part in ensuring that we distribute vaccines as widely and affordably as possible, and not just within our own borders. Investing in equitable access to the treatments needed to combat COVID-19 would constitute a clear display of solidarity as we seek to renew our partnership with Africa. I strongly believe that multilateralism and coordinated efforts are the tools we need to take us out of the current crisis, increase the resilience of our health systems and improve pandemic preparedness and response.

On the Green Deal and the fight against inequality the President said:
“I am convinced that the Green Deal represents the right path to a sustainable future, and working with international partners is an imperative if we are all to emerge from this crisis stronger. More and more countries are announcing ambitious targets, and what was unthinkable yesterday is becoming the norm today. Like the EU, Japan, Canada, the UK and many others have announced their intention of becoming climate-neutral by 2050. I welcome the pledge made by US President-elect Joe Biden to re-join the Paris Agreement; in this area as well, we can renew our partnership with the USA.
“The decisions we are called upon to take on the Recovery Plan will be the vehicle for the green transformation, the European Green Deal, as well as for the digital transformation, the reduction of inequalities and the fight against poverty.
“This is an historic opportunity and we have no time to lose. EU investment will be crucial in this regard, as EU citizens, towns and cities and companies are counting on us to take urgent action to combat the effects of the pandemic, generate a new form of well-being based on solidarity and create secure jobs. Each EU programme has a key role to play in improving the daily lives of EU citizens, protecting the most vulnerable, driving digitalisation forward and greening the economy.”

On foreign policy and security the President Sassoli added:
“We must give serious thought to using all the tools at our disposal, including economic sanctions, in order to send a credible signal that we stand by the territorial integrity of Cyprus. Turkey must realise that because of its actions the prospects of achieving a positive outcome are diminishing rapidly.“Today you will also discuss a joint security action to fight crime and terrorism. I believe that the cornerstone of this effort should be measures to strengthen and protect the Schengen area. The aim must be to safeguard an area in which people can move freely, which must also be an area of frictionless cooperation between our national police forces and judicial authorities. It is not about derogating from Schengen, it is about strengthening Schengen, demonstrating here as well the solidarity which has perhaps been lacking in recent years.”

On the ongoing negotiations on EU-UK relations, the President said: “If an agreement on the future relationship between the EU and the United Kingdom is to be reached, the eleventh hour has now struck. The European Parliament’s position has been clear throughout this process. We are ready to support an ambitious, broad and balanced partnership with the UK, which would be mutually beneficial. We are both committed to democracy and respect for the rule of law and face many common challenges. While I still deeply deplore the UK’s decision to leave the EU, I have always taken the view that a negotiated solution is in the interests of both sides, as well as of citizens and businesses. Democratic scrutiny is essential, and Parliament has worked tirelessly throughout the process. If an agreement is reached, we will have to examine the text closely, taking all the time we need, before deciding whether to give our consent before 31 December. An agreement would be a solid basis for our new partnership, but if none can be reached we will need to find new, albeit more limited, ways of working together.”


The full speech is available here:

https://www.europarl.europa.eu/the-president/en/news-room

Press room 10.12.2020

Sassoli al Consiglio europeo: Oggi è tempo di concludere per il bene dei cittadini

Estratti chiave del discorso del Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli al Consiglio Europeo del 10 dicembre
 
Sul QFP e il Fondo per la Ripresa:

“Siamo tutti dolorosamente consapevoli del fatto che il 2020 è un anno che sarà ricordato nei libri di storia. La pandemia che stiamo affrontando è senza precedenti. Così come le risposte che abbiamo dato alle sue conseguenze”.  

“Proprio in questa sala, a luglio, meno di cinque mesi fa, avete preso decisioni storiche. La capacità di risposta dell’Unione europea è stata apprezzata grandemente dalle nostre opinioni pubbliche. Da allora abbiamo lavorato senza soste con la Presidenza tedesca e la Commissione per migliorare ulteriormente i termini di questo accordo a beneficio dei nostri cittadini. Oggi è il tempo di concludere. Quest´anno eccezionale sta volgendo al termine. La crisi resa più acuta dalla seconda ondata non fa che peggiorare e non abbiamo ancora un piano di ripresa e un QFP per i prossimi anni. Il bilancio del 2021 su cui il Consiglio e il Parlamento hanno raggiunto un accordo non è stato ancora formalmente adottato”.

“Per quanto riguarda il QFP, il fondo per la ripresa e le nuove risorse proprie, abbiamo raggiunto un accordo molto soddisfacente, garantendo maggiori risorse per i principali programmi dell’UE e un solido meccanismo per la protezione dello Stato di diritto. Il Parlamento non accetterà di rimettere in discussione i risultati raggiunti”.

“Spero che entro domani sia trovata una soluzione che ci permetta di votare il QFP e il regolamento sullo stato di diritto la prossima settimana. Ovviamente noi esamineremo in dettaglio le conclusioni del Consiglio europeo e ci auguriamo che esse siano compatibili con lo spirito e la lettera del compromesso raggiunto, in particolare sulla difesa dello stato di diritto. E´ importante che, ritrovata l´unità ascoltando le differenti ragioni, l´Unione proceda con tutti e 27 gli Stati membri”.

“Da luglio la Presidenza tedesca non si è risparmiata per negoziare i testi che il Consiglio e il Parlamento devono ora approvare. La ringrazio personalmente, Cancelliera Merkel, per il suo impegno e la sua disponibilità a trovare la soluzione migliore nell’interesse generale. È stato un onore e un piacere lavorare con lei”.  

Sul COVID-19, l’Unione europea della salute e i vaccini, il Presidente ha sottolineato:

“La pandemia di COVID-19 ha fatto irruzione nelle nostre vite sconvolgendole e ha paralizzato le nostre società con una terribile rapidità. Il virus ha portato alla luce le nostre fragilità, ma ha anche messo in evidenza i nostri punti di forza e i nostri valori fondamentali, in particolare la solidarietà e la responsabilità. Il nostro modello sociale europeo è la nostra carta d’identità europea. Durante la pandemia, a nessuno sono state negate le cure ospedaliere perché non aveva una carta di credito. Possiamo essere giustamente orgogliosi di questo e dovremmo preservarlo”.

“Abbiamo dovuto reagire rapidamente alla crisi con risposte e politiche che precedentemente sarebbero state impensabili, se guardiamo a come abbiamo agito dal punto di vista economico, politico e democratico. Abbiamo dovuto prendere importanti decisioni a lungo termine, e tuttavia le nostre risposte hanno dovuto essere immediate”.

“La crisi è quindi diventata un campanello d’allarme che ci ha permesso di immaginare un modello di sviluppo più sostenibile, imperniato sulla giustizia ambientale e sociale. Sebbene non abbiamo ancora superato la crisi, abbiamo motivo di essere fiduciosi a condizione di avere il coraggio di tradurre questa visione in azioni concrete”.

“In primo luogo, nelle scorse settimane abbiamo finalmente visto alcuni sviluppi positivi nella lotta al COVID-19, come pure i primi elementi di un’Unione della salute e progressi sui vaccini. Abbiamo bisogno di un portafoglio ampio e diversificato di potenziali vaccini, al fine di garantire una distribuzione equa e coordinata all’interno dell’UE ed evitare qualsiasi nazionalismo dei vaccini. I prossimi passi non saranno facili: una volta che i vaccini saranno stati approvati, il loro successo dipenderà in larga misura dalla fiducia dei cittadini e dall’efficienza delle organizzazioni nazionali. In quanto leader dobbiamo concentrare i nostri sforzi su questo aspetto”.

“Se la situazione rimane immutata la pandemia non finirà. Ognuno deve fare la sua parte per garantire una distribuzione dei vaccini il più ampia possibile e a costi accessibili, e non solo all’interno dei confini europei. Investire in un accesso equo ai dispositivi medici utilizzati contro il COVID-19 sarebbe una chiara dimostrazione di solidarietà nel rinnovare il nostro partenariato con l’Africa. Sono fortemente convinto che il multilateralismo e gli sforzi coordinati siano gli strumenti adeguati per permetterci di uscire dalla crisi attuale, aumentare la resilienza dei nostri sistemi sanitari e migliorare la capacità di preparazione e di risposta alle pandemie”.

Sul Green Deal e la lotta contro le disuguaglianze il Presidente ha detto:

“Sono convinto che il Green Deal sia la strada giusta per garantire un futuro sostenibile e che un’alleanza globale con i partner internazionali sia una necessità assoluta per emergere tutti più forti dalla presente crisi. Un numero sempre maggiore di paesi sta annunciando obiettivi ambiziosi e ciò che un tempo sembrava impensabile, sta ormai diventando la norma. Alla stregua dell’UE, il Giappone, il Canada, il Regno Unito e molti altri paesi hanno annunciato di voler conseguire la neutralità climatica entro il 2050. Plaudo all’impegno del Presidente eletto Joe Biden di aderire nuovamente all’accordo di Parigi: anche su questo impegno potremo rinnovare il nostro partenariato con gli Stati Uniti”.

“Le decisioni che siamo chiamati ad assumere sul Piano di ripresa saranno il veicolo per la trasformazione verde, per il Green Deal europeo, come per la trasformazione digitale e per la riduzione delle disuguaglianze e la lotta alla povertà”.

“Si tratta di un’occasione storica e non possiamo perdere tempo. Gli investimenti dell’UE saranno fondamentali in tal senso in quanto i cittadini, le città e le imprese dell’Unione contano su di noi per un intervento urgente volto a contrastare gli effetti della pandemia, a generare un nuovo benessere basato sulla solidarietà e a creare posti di lavoro sicuri. Ciascun programma dell’UE deve svolgere un ruolo fondamentale nel migliorare la vita quotidiana dei cittadini dell’Unione, nel tutelare i più vulnerabili, nel far avanzare la digitalizzazione e nel rendere l’economia più verde.”

In materia di politica estera e di sicurezza il Presidente Sassoli ha affermato:

“È pertanto indispensabile prendere seriamente in considerazione tutti gli strumenti a nostra disposizione, incluse le sanzioni economiche, per inviare un segnale credibile del nostro sostegno all’integrità territoriale di Cipro. La Turchia deve ormai rendersi conto che sta rapidamente sfumando l’occasione di portare avanti un’agenda positiva”.

“Oggi discuterete anche di una azione comune per la sicurezza per contrastare la criminalità e il terrorismo. Credo che la chiave di volta di questo sforzo debba essere il rafforzamento e la protezione dello spazio Schengen. Uno spazio di libera circolazione delle persone, che deve essere anche lo spazio di cooperazione più fluida delle nostre forze di polizia e delle nostre magistrature nazionali. Non occorre quindi derogare a Schengen, ma rafforzare Schengen, dando prova anche in questo frangente di una solidarietà che forse è mancata in questi anni”.

In merito ai negoziati in corso sulle relazioni UE-Regno Unito, il Presidente ha detto:

“Per quanto riguarda le relazioni tra l’UE e il Regno Unito, siamo davvero al punto finale per raggiungere un accordo sulle future relazioni tra le due parti. Il Parlamento europeo è stato chiaro durante tutto questo processo. Siamo pronti a sostenere un partenariato ambizioso, ampio ed equilibrato con il Regno Unito, che sarebbe reciprocamente vantaggioso. Ci basiamo entrambi sulla democrazia e sul rispetto dello stato di diritto e dobbiamo affrontare molte sfide comuni. Anche se continuo a deplorare profondamente la decisione del Regno Unito di lasciare l’UE, ho sempre creduto che una soluzione negoziata sia nell’interesse di entrambe le parti, oltre che dei cittadini e delle imprese. Il controllo democratico è essenziale e il Parlamento ha lavorato instancabilmente durante tutto il processo. In caso di accordo il Parlamento dovrà esaminare il testo con attenzione e con tutto il tempo necessario prima di decidere se concedere il consenso entro il 31 dicembre. Un accordo sarebbe un solido punto di partenza su cui costruire il nostro nuovo partenariato, ma se questo non dovesse essere possibile, dobbiamo trovare nuove, anche se più limitate, modalità di collaborazione”.

Il discorso completo del Presidente è disponibile qui.
10 dicembre 2020