Le Amazzoni e gli Indios del centro di eccellenza di Oncologia Pubblica con il paziente sempre al Centro dell’Ospedale Villa Sofia-Cervello di Palermo

In tantissimi anni di esperienze mai mi sarebbe venuto in mente di approfondire la conoscenza di un centro che si occupa di salvare vite umane ogni istante e di oncologia complessa. Sono sincero e dopo 2 anni di assistenza a mia madre che ho perso per un tumore al Colon , volevo prendere aria da un mondo ospedaliero oncologico e articolato con le sue terapie spesso invasive, complesse . Come segretario Generale del Cetri-Tires ho fatto tantissime cose per preservare i beni comuni primari e mi sono sempre battuto con il fine che  le future generazioni possano avere quello che ho avuto io e di più, il futuro è di chi lo vede dice un proverbio Indios ed io lo ho visto ( il mio e quello di tanti malati di leucemia complessa ) dopo una diagnosi che mi riguarda di persona al  Centro Regionale di Riferimento per la prevenzione diagnosi e la cura delle leucemie, dei linfomi, dove si effettuano trapianti di midollo osseo e dove si svolgono le attività connesse alla tipizzazione tissutale di Palermo. Un centro sanitario di eccellenza in Italia e in Europa dove ho conosciuto medici , infermieri, study coordinators , veri Indios e Amazzoni eccellenti che sono al servizio del malato con grande professionalita’, umanita’ e disponibilita’. Uomini e donne medico e infermiere  biosferici  come li chiamo io , personaggi meravigliosi di cui dobbiamo parlare e a cui dobbiamo molto per l’amore e la passione che ci dimostrano ogni giorno mentre svolgono il loro prezioso lavoro.

L’oncologia costituisce una delle priorità del sistema salute in ambito nazionale che affronta l’incidenza in crescita dei tumori in Italia, aumento confermato dai recenti studi epidemiologici Europei e Italiani. L’Unità operativa di Onco-ematologia ed il Centro Trapianti di Midollo Osseo dell’azienda ospedaliera Villa Sofia-Cervello di Palermo sono  da molti anni orientati a sviluppare un’adeguata programmazione volta a migliorare tutti gli aspetti della lotta contro le malattie Mielo e Linfo-proliferative sia per quanto riguarda la  qualità dell’assistenza sia per quanto riguarda la ricerca scientifica . Il reparto è Centro Regionale di Riferimento per la prevenzione la diagnosi e la cura delle leucemie e dei linfomi, per il trapianto di midollo osseo e per le attività connesse alla tipizzazione tissutale. Fanno parte dell’equipe la Dott.ssa Caterina Patti, che è stata la prima dottoressa che ha istruito un progetto di terapie per lo scrivente, che ringrazio personalmente insieme a tutti gli attivisti e sostenitori del Cetri-Tires  per la professionalità e umanità dimostrata. Ringraziamo il Dott. Francesco Fabbiano Direttore della Divisione e la Dott.ssa Rosanna Scimé Responsabile del CentroTrapianti , ed inoltre la Dott.ssa Stefania Tringali, il Dott. Alessandro Indovina , la Dott.ssa Silvana Magrin , che ho avuto il piacere di conoscere in oltre 30 giorni di ricovero protetto presso il centro trapianti e di cui non dimenticherò mai la professionalità e l’umanità dimostrata, ringrazio la Dott.ssa Clotilde Cangialosi, la Dott.ssa Alessandra Malato , il Dott. Antonino Mule’, la Dott.ssa Rosaria Felice,  la Dott.ssa Monica Leone, il Dott. Francesco Di Bassiano , la Dott.ssa Alessandra Santoro Responsabile del Laboratorio di Onco-ematologia e tutti i biologi   che collaborano con la divisione, un team di professionisti che lavora in siinergia per garantire la qualità della vita ogni giorno per tantissimi malati.  Un ringraziamento particolare va ai dottori Alessandro Costa e Claudio Ortolano “Study coordinator “che lavorano assistendo medici e pazienti, retribuiti dalla Associazione AIL da circa 20 anni e che si dedicano prevalentemente agli studi clinici dei Linfomi e leucemie linfatiche croniche a cui si sono successivamente aggiunti Francesco Acquaviva e recentemente anche Monica Rizzo, Ugo Biondo, che si occupano di mieloma multiplo leucemie acute e malattie mieloproliferative croniche.

Vogliamo inoltre ringraziare uno per uno tutta l’equipe infermieristica ed il personale parasanitario del Ematologia e del Centro Trapianti di midollo: tutti indistintamente ottimi e qualificati operatori. I coordinatori infermieristici Simone Genovese e Rosalba Pitrone e gli infermieri professionali Impellizzeri Francesco,Lupo Rosanna,Pipitone Raffaele,Pisciotta Maria,Rallo Filippo Salvatore,Salvia Anna Maria,Bruno Cinzia,Cocchiara Rosalia,D’anna Ignazio,Di Pace Domenico,Fulco Antonino,Librera Emilio,Sciarrino Virginia,Spadaro Elide,Vultaggio Tiziana,Cipolla Angela,Ventimiglia Rosario,Corona Davide,Salerno Angela,Davì Rosalia,Salvatore Carollo,Eugenio Guerriero,Roberto Scaglione,Vincenzo Saullo,Gudenzio Roccamatisi,Filippo Costa,Giusi Terrana,Vincenzo Vesco,Maurizio Fragale,Mario Mandalà,Stefano La Grassa,Baldo Benenati,Antonella  Faulisi,Claudia Ciep,Elisabetta Fratelli,Francesco Giambalvo,Benenati Baldassare,Carollo Salvatore,Costa Filippo,Faulisi Antonella,Fragale Maurizio,Fratelli Elisabetta, Giambanco Francesco,Guerriero Eugenio,Mandalà Mario,Roccamitisi Gaudenzio,Saullo Vincenzo,Scaglione Roberto,Terrana Giuseppa,Vesco Giovanni,La Grassa Stefano, gli ausiliari Giacalone Fabio e Baleste Giovanni, Abbia Domenico, alla data manager Lucia Sbriglio alla Clinical Monitor Marta Castronovo. Infine un Ringraziamento particolare all’infermiere  Lanno Paolo che da 10 anni assiste con grande professionalita’ ed abnegazione i malati con contratto finanziato da AIL con la speranza di ottenere al più presto un ruolo a tempo indeterminato nella struttura, cosi come la dipendente Ail Elena Fuschi sempre disponibile e gentile responsabile della accettazione ambulatorio segretaria ematologia 1.

La Divisione di Ematologia I  ha ottenuto dal Bureau Veritas Italia l’accreditamento con certificazione Iso 9001 per i Clinical Trials. Il centro trapianti di midollo osseo è inoltre già da tempo accreditato dal GITMO e da IBMDR per l’attività di trapianti autologhi, allogenici, da donatore non familiare e ha ottenuto l’accreditamento istituzionale da parte de Centro nazionale Trapianti e l’accreditamento di qualità secondo gli standard internazionali Jacie. Questa eccellenza della Sanità Siciliana ogni giorno assiste decine di pazienti e vanta modelli organizzativi innovativi, tutti finalizzati a favorire e creare meccanismi che permettano azioni coordinate tra un numero elevato di ruoli interdipendenti, ma tutti centrati sul paziente anche con la collaborazione multidisciplinare, multi professionale e la responsabilizzazione e partecipazione delle associazioni di volontariato. 

Il 17 di Maggio ho voluto organizzare una visita che è stata importantissima come coordinatore del costituendo comitato Oncologia pubblica bene comune (  http://www.osservatoriozeta.org/)  con una delegazione di politici impegnati da anni in serie e motivate battaglie per la difesa dei beni comuni, mi riferisco all’euro deputato Ignazio Corrao e ai deputati regionali siciliani Valentina Palmeri e Francesco Cappello, con i quali abbiamo intenzione di aprire un tavolo tecnico con il governo nazionale per  potenziare questi centri di oncologia pubblica che oggi evitano a migliaia di pazienti i viaggi della speranza tra l’altro a costi piu’ elevati per il sistema sanitario regionale quando poi a curarli spesso in altre regioni troviamo medici siciliani che qui non hanno trovato nessuna opportunità non certo per mancanza di malati e malattie oncologiche che sono sempre e solo purtroppo in aumento in tutta Italia.  Vorrei concludere con questa frase che ha cambiato la mia vita e spero sia da stimolo per tutti coloro che vorranno aiutarci in questa nuova avventura nel rispetto dei malati e delle loro famiglie :” la vita è ciò che facciamo ..della vita … I viaggi sono i viaggiatori. Quello che vediamo non è quello che vediamo ma quello che siamo ” cit.Popolo asurini, fiume Xingu.

Leonida Bombace

Segretario generale del Cetri-Tires e Coordinatore Siciliano Comitato Oncologia pubblica Bene Comune