Yvan Sagnet Cavaliere della Repubblica

Oggi sono stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine della Repubblica italiana dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per l’impegno assunto in questi anni contro la piaga del caporalato. Per me, oltre ad essere un onore, rappresenta anche una fonte di motivazione per avviare la seconda fase del mio impegno che attraverso il progetto pilota “NOCAP” vedrà la creazione di una filiera alternativa alla grande distribuzione perché ho capito che il caporalato è soltanto l’ultima anello di lunga catena di sfruttamento che vede al centro le multinazionali dell’ agroalimentare e della GDO che, giocando al ribasso sul prezzo dei prodotti alimentari, costringono una buona parte delle imprese ad appoggiare sulla compressione dei diritti per reggere i costi. Detto ciò voglio dedicare questo riconoscimento ai braccianti, alle  varie realtà che da anni operano in quella direzione e in particolare al Cetri-Tires di cui sono vice presidente e con il quale stiamo portando avanti il progetto NOCAP.”

Queste le parole a caldo di Yvan Sagnet immediatamente dopo la cerimonia al Quirinale dove il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito, motu proprio, quaranta onorificenze al Merito della Repubblica Italiana a donne e uomini che si sono distinti per atti di eroismo, per l’impegno nella solidarietà, nell’integrazione, nel soccorso, per l’attività in favore dell’inclusione sociale, nella promozione della cultura, della legalità e per il contrasto alla violenza.

Jean Pierre Yvan Sagnet è Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana con la seguente motivazione: “Per il suo contributo all’emersione e al contrasto dello sfruttamento dei braccianti agricoli”.