Gasdotti e corrotti: in una interrogazione al Parlamento Europeo, la chiave per capire i segreti del gasdotto TAP.

L’on. Massimiliano Paolucci

Cittadini a cui viene impedito di ritornare a casa perché la strada è stata occupata e militarizzata, residenti a cui è impedito di ricevere amici nelle loro residenze, carabinieri che lavorano per l’ufficio stampa di una multinazionale…. il TAP è ormai all’ultima spiaggia.

In un comunicato ANSA uscito oggi, si legge che secondo una interrogazione presentata dall’Eurodeputato Paolucci,  il gasdotto TAP è ormai fuori tempo massimo, perché tutti i termini di inizio lavori generosamente concessi dalla Commissione Europea con Decisione 2494 sono ormai scaduti. Per quanto ancora si protrarrà questa intollerabile situazione di esproprio della sovranità dei cittadini e di militarizzazione del territorio di San Basilio fra San Foca e Melendugno (ampiamente documentato da questo servizio dell’emittente leccese Tele Rama: https://www.youtube.com/watch?v=ptlviIOPYf0 ), che mina dalle fondamenta la credibilità delle istituzioni ormai totalm

TAP espianta ulivi secolari a San Foca (LE)

ente asservite agli interessi di una Srl svizzera i cui componenti sono stati accusati in un servizio di Repor di essere protagonisti di gravissimi episodi di corruzione, collusione con narco trafficanti sud americani, evasori fiscali, in combutta con violatori seriali di diritti umani e perpetratori di atrocità contro popolazioni locali.

 

(Il servizio di Report si chiama “CAVIAR DEMOCRACY” e lo si può vedere a questo link: http://www.raiplay.it/video/2016/11/Caviar-democracy-7b89f17a-030b-4e25-be40-11bda22be165.html)

—————————————————————-
ZCZC2976/SXR OBX60094_SXR_QBKP R REG S44 QBKP Tap:Paolucci (Mdp) scrive a Commissione su inizio cantiere Eurodeputato ha presentato una interrogazione urgente (ANSA) – BRUXELLES, 30 NOV –

San Foca. Dimostranti Anti TAP

Un’interrogazione urgente alla Commissione Ue per chiedere di confermare se la societa’ TAP AG stia rispettando i tempi previsti per i lavori di costruzione del gasdotto. A presentarla e’ stato l’eurodeputato di Mdp Massimo Paolucci, che in una nota spiega: “La societa’ TAP AG non avrebbe rispettato il termine ultimo del 16 maggio 2016 stabilito dalla Commissione europea per l’inizio dei lavori del gasdotto a Melendugno, in base a quanto ho potuto constatare durante la visita di sabato scorso al cantiere del pozzo di spinta del microtunnel il cui avvio non e’ ancora avvenuto”. “Ne’ l’espianto degli ulivi effettuato nel marzo-aprile 2017, propedeutico alla realizzazione della strada di cantiere, ne’ i rilievi volti all’individuazione di residui bellici e quelli geognostici possono essere considerati come effettivo inizio dei lavori”, recita il comunicato, “di fatto sembrerebbe che la società TAP AG non abbia rispettato il termine ultimo previsto dalla Decisione della Commissione Europea C(2013)2949 del 16.5.2013. Per questo ho presentato un’interrogazione urgente alla Commissione Ue, per chiedere di confermare che la società TAP AG e’ in non conformità con la Decisione del 2013 e che pertanto le autorita’ italiane dovrebbero rivedere la decisione di escluderla dall’applicazione delle norme in materia di accesso alle infrastrutture di rete che, fin qui, l’ha resa monopolista di fatto del Corridoio Meridionale del Gas”.(ANSA). YRW 30-NOV-17 12:26 NNNN

Renzi e il dittatore azero Alyev. “pecunia non olet”

In altre parole, la forza pubblica italiana usata per tutelare gli interessi di una SrL svizzera e di un ferocissimo dittatore per un gasdotto illegale perchè non ha rispettato i termini tassativi per l’inizio lavori, perchè è stato reso possibile dalla corruzione di membri del Consiglio d’Europa, e perchè non ha rispettato le prescrizioni delle autorità regionali.
Domanda: Se un semplice cittadino avesse fatto scadere i termini per la presentazione della d

omanda per ottenere un permesso per costruire un rialzo della sua villetta o ottenere l’autorizzazione per mettere dei tavolini sulla pubblica via, pensate che poi glielo farebbero fare lo stesso e per questo gli metterebbero al servizio anche le forze dell’ordine pagate con i soldi di tutti?
Si attendono ansiosamente risposte convincenti….