Perez Esquivel a La Sapienza a Roma: gli USA si occupino dei loro 56 milioni di poveri e non del Venezuela!

20160606_113505
Adolfo Perez Esquivel alla Sapienza con de Santoli e il Rettore Gaudio

?

E’ venuto il momento della rivolta!” Parola di Nobel per la pace.
Adolfo Perez Esquivel ha incantato l’uditorio dell’aula principale della Facoltà di Lettere de La Sapienza questa mattina in una conferenza dal titolo “Proteggere i diritti umani e l’ambiente sul piccolo pianeta Terra”.

Avendo passato una vita intera a difendere il diritto alla vita dei più umili, il professore argentino è diventato una leggenda vivente ed è stato insignito del Nobel per la Pace del 1980 per la sua attività d denuncia delle attività disumane della giunta militare argentina del Generale Videla (40.000 persone scomparse e mai più ritrovate). La sua lezione è stata piena di metafore, come quella degli animaletti nel bosco a cui il cuoco da

20160606_113435
Perez Esquivel e il Rettore Gaudio alla fine della Lectio Magistralis del Nobel argentino

la scelta di decidere … con quale salsa vogliono essere cucinati. Perez Esquivel propone un mondo in cui si possa anche decidere di non essere cucinati affatto, ma per far ciò bisogna liberarsi dal pensiero unico mediatico dominante (con un’altra efficace analogia da lui paragonato alle coltivazioni intensive   del pensiero) che propone falsi nemici e falsi obiettivi alle masse in modo da distoglierle dalle attività criminose di una classe dirigente mondiale dedita alla finanza speculativa e alla distruzione dei diritti. Uno di questi falsi obiettivi è la “minaccia” degli immigrati. Il Nobel ha rivelato che nel suo colloquio d ieri con Papa Francesco (suo amico da lungo tempo), il Pntefice gli ha confidato di essere molto preoccupato per la piega disumana che sta prendendo la questione dell’accoglienza in Europa.

Subito dopo, in risposta a una domanda sulla pretesa mancanza di democrazia  del Venezuela post Chavez del Presidente Maduro, Perez Esquivel risponde  in modo sorprendente, ricordando che l’amnesia è il male peggiore del mondo e che nessuno ricorda più che prima dell’elezione di Chavez il Venezuela era affetto da povertà estrema, fame e analfabetismo, tutte piaghe che adesso sono state debellate, mentre negli Stati Uniti ci sono ancora, e che lui, in una riunione fra Premi Nobel per la Pace ha ricordato al Presidente Obama che gli USA,  invece di tentare di destabilizzare governi democraticamente eletti in Sud America (un vecchio vizio) dovrebbero occuparsi dei loro 54 milioni di poveri… (la risposta si può vedere in Spagnolo a questo link.   https://you

20160606_115212
Perez Esquivel, Consoli e de Santoli alla Sapienza il 6 giugno 2016

tu.be/QAKl5R0Y4aY ) La conferenza è stata organizzata e introdotta dal professor Livio de Santoli, delegato del Rettore per energia e edilizia dell’Università romana che ha ricordato in apertura come la tecnologia non debba essere usata in un processo di globalizzazione distorto contro l’essere umano, ma a suo vantaggio. (qui è possibile ascoltare la sua introduzione https://youtu.be/YVbexhJvSwQ).

La conferenza del Nobel Argentino si è conclusa con un appello all’Italia e all’Europa a non farsi coinvolgere nella firma del trattato di cosiddetto “libero Scambio” TTIP perchè non è nè libero ne scambio ma una imposizione forzata degli interessi delle multinazionali americane contro gli Stati e i Cittadini Europei, che verrebbero cucinati con la salsa decisa dal cuoco e alle condizioni imposte dagli USA, e l’impegno a rivedersi in occasione di una manifestazione di livello universitario contro il TTIP a Roma.

Maggiori informazioni in questo articolo di Sergio di Cori Modigliani

Il Nobel argentino per la pace, Esquivel, viene a Roma per parlare di clima e di ambiente.

 

13315552_10154183411222410_8067401607347769907_n