Marea nera in acque tunisine: il disastro di cui non si vuole parlare per paura del referendum. Simone Roscio del Gruppo Zero Pantelleria ci informa.

Riceviamo dal coordinatore del gruppo zero Pantelleria Simone Roscio questo

Kerkenna1allarmante rapporto sulla marea nera che è fuoriuscita, pare dalla piattaforma petrolifera della società britannica Petrofac nel golfo di Gabes e che sta devastando le coste del paradiso naturale delle isole Kerkenna al largo della costa tunisina.

14 Marzo una marea nera colpisce l’isola tunisina di Kerkennah, sita a 240 km da Pantelleria ed a soli 120 km da Lampedusa, ma nessuno ci ha avvertito.

Oggi 22 Marzo, finalmente vediamo le foto condivise giorni prima dalla pagina Facebook Kerkennah Islands e Tunisia-Live.net L’ l’arcipelago delle Kerkenah è noto a molti italiani sia per le sue magnifiche spiagge sia per la sua economia basata in gran parte ancora sulla pesca. Come dice su Kerkennah Islands un cittadino tunisino, è stato fatto molto poco per «un problema ecologico molto grave che bisogna risolvere il più rapidamente possibile». L’isola principale dell’arcipelago è stata messa in ginocchio e la sua economia, principalmente basata sulla pesca, distrutta. I pericoli per la nostra isola non sono forse gli stessi? Anche Pantelleria ha un’economia principalmente legata alla buona salute di tutto il suo territorio, dalle sue terre un tempo ricche e da un mare sempre meno vivo, ma Governo e lobby petrolifere stanno remando con il referendum del 17 Aprile. Perché il 17 Aprile Votiamo SI per dire NO alle proroghe infinite sulla durata delle concessioni petrolifere. Concessioni infinite che aumento il rischio di incidenti causati dall’utilizzo di attrezzature vetuste.

Mettendo davanti al diritto alla salute ed al bene comune, il capitale e la sua concentrazione nelle mani di pochi. E per aiutare il fronte del SI, Territorio Zero Pantelleria, in qualità di delegato territoriale dell’Alleanza

SImone
Simone Roscio del gruppo Zero di Pantelleria

per l’Economia Circolare (ACE – nata in occasione della pubblica consultazione Europea sull’Economia Circolare e fondata dal CETRI-TIRES, dal Movimento Legge Rifiuti Zero e da Slow Food Italia), aderisce al Comitato per i Referendum Sociali. La nostra campagna per il SI contro le trivelle inizierà Martedì 5 Aprile alle 21:00, con la proiezione del Docufilm Cowspiracy, al Cineteatro di Scauri (Ingresso Gratuito).

 

E naturalmente vi terrò informati dall’avamposto di Pantelleria su questo nuovo ulteriore disastro ecologico dovuto alla trivellazione selvaggia e all’uso sconsiderato delle nostre risorse naturali.

Simone Roscio

 

Altre immagini dal disastro petrolifero che sta devastando uno degli angoli più belli del Mediterraneo.

Kerkenna1 Kerkenna2 Kerkenna8 Kerkenna10 Kerkenna9 Kerkenna11 Kerkenna5 Kerkenna7 Kerkenna4