Ecostazione/Ecoportal

di Antonio Zanotto  

Ecoportal è un progetto nato dall’esigenza di coordinare più necessità e vari punti di raccolta come ad esempio l’Ecostazione sul territorio al fine di garantire l’estemporaneità della raccolta dati e un miglior servizio. I progetti sono stati realizzati attraverso Sustainable Mediterranean Old Town, un progetto finanziato dall’UE, grazie alla collaborazione del Comune di Ragusa, il programmatore Giuseppe Pisasale, e SVIMED srl, oltre ad altri 4 partner stranieri.

icona sito ecoportale

Verso la fine del 2014 il Comune di Ragusa si è dotato di un sistema di pesatura dei rifiuti differenziati di prima generazione, che permetteva ai cittadini di conferire i rifiuti urbani differenziati e gli assimilabili agli urbani nei centri di raccolta comunali (CCR), raccogliendo  ecopunti che si trasformano in una scontistica sulla tariffa sui rifiuti fino al 50% della parte variabile della TARI. Vedi sito dedicato 

IMG_7969-300x224

Questo sistema creato dalla collaborazione del che ha in sè varie caratteristiche: è un sito web visitabile da qualsiasi pc, tablet o smartphone connesso a internet; ha una sezione statistica dove chiunque può vedere i flussi in entrata del CCR, il numero di utenti giornaliero, mensile ed annuale, la distribuzione percentuale delle frazioni, il peso dei materiali in ingresso…; ha una sezione news che aggiorna i cittadini sulle notizie che riguardano l’ambiente, il riciclo e gli avvenimenti inerenti tali argomenti; ha una sezione personalizzata in cui ogni utente può entrare con login e password per poter visualizzare ogni proprio conferimento e il punteggio totale…; infine fornisce alcune piccole info molto utili come il dizionario dei rifiuti, i siti di raccolta e gli orari di apertura, i punteggi in base al peso e una sezione chat per comunicare direttamente con gli uffici eventuali segnalazioni, disservizi etc..

IMG_7968-300x224

La creazione di un luogo fisico, con una certa estetica, come l’Ecostazione, ha avuto invece la funzione di trasmettere agli avventori, che portano i loro rifiuti differenziati, un messaggio: nonostante il termine “rifiuto” abbia una sua definizione giuridica, nella dialettica comune non fa immaginare altro che uno scarto, un disagio, talvolta un ribrezzo (si pensi all’uso indiscriminato della parola schifo), i materiali che vengono riciclati hanno un proprio valore economico, inoltre sono stati creati impiegando risorse, energia, tempo e soldi. Con l’Ecostazione si è voluto trasmettere l’idea del “Bello”, un luogo ameno e piacevole dove posso recarmi per portare i miei materiali in disuso, dove l’arredamento è stato creato con oggetti rubati alla discarica.

 

Servizi stampa collegati :

Il Manifesto territorio Zero è stato adottato dal Comune di Ragusa e dal suo Assessore ai Beni Comuni Inviolabili Antonio Zanotto