Con il Modulo ECO il futuro comincia nel cuore di Parma

collaboratori-modulo-eco
taglio-del-nastro-foto-marco-vasiniUna casetta di legno marrone, con grandi vetrate ai lati e  con  un robusto cappotto in sughero ha fatto apparizione in piazza della Pace nei giorni scorsi.
E oggi il “mistero” è stato svelato nel corso di una bella è partecipata cerimonia di inaugurazione, alla quale sono intervenuti il sindaco Federico Pizzarotti, l’assessore Michele Alinovi, la vicesindaco Nicoletta Paci, l’assessore Gabriele Folli, insieme ad Alessio Malcevschi del Dipartimento Bioscienze Università degli Studi di Parma, Elisabetta
Quaranta in rappresentanza dell’Associazione Culturale “Manifattura Urbana” e  Antonio Rancati del Comitato Scientifico CETRI, nonché Coordinatore nazionale didattica e formazione  Circolo Europeo Terza Rivoluzione Industriale, e ancora Francesco Fulvi, che ha coordinato il progetto, i docenti e i ragazzi del Rondani, che hanno collaborato all’attuazione del progetto e tanti cittadini curiosi di conoscere la struttura.modulo-eco-dallalto-foto-marco-vasini

Si tratta del “Modulo Eco – Sportello Energia”, iniziativa innovativa realizzata da “Manifattura Urbana”, con il patrocinio del Comune di Parma tramite l’assessorato a Lavori Pubblici, pianificazione e sviluppo del territorio, della Regione Emilia Romagna e dell’Università di Parma, e la collaborazione  di tanti altri enti e istituzioni e di numerosi sponsor che apprezzano l’iniziativa.

“E’ bello pensare  ad un modulo eco-compatibile che ho visto nascere qui, realizzato  con quello che la natura ci regala, valorizzando il creato”, ha affermato il vescovo Enrico Solmi al momento della benedizione, che ha preceduto il taglio del nastro da parte del sindaco Federico Pizzarottitaglio-del-nastro-foto-marco-vasini
“Ringrazio Manifattura Urbana e l’Istituto Rondani – ha esordito il sindaco –  per il messaggio forte contenuto nella costruzione del modulo in un luogo simbolo della città, un messaggio di sostenibilità, alla quale
noi teniamo molto, come dimostrano le recenti costruzioni della scuola Racagni e dell’asilo Origami. E’ uno strumento che ci fa guardare all’ambiente, che nasce da un percorso condiviso, ma che potrebbe trovare applicazione anche in soluzioni di emergenza, come i moduli per i terremotati”.
sindaco-pizzarotti-con-il-grillo-parlante-green
Tra gli importanti saluti istituzionali pervenuti, il prof. Ferdinando De Maria coordinatore scolastico degli alunni dell’Istituto dei Geometri “G.Rondani”, ha letto il messaggio del Presidente del Senato Pietro Grasso con i suoi vivi apprezzamenti per quella che considera una interessante iniziativa sulla sostenibilità ed educazione ambientale, che vede
coinvolti studenti e volontari, in primis per i “cantieri didattici” di questo importante progetto eco-sostenibile a difesa della natura: “Un saluto affettuoso va ai giovani studenti dell’Istituto Tecnico dei Geometri G.Rondani di Parma, esempio di impegno civico e di cittadinanza attiva nello studio e ricerca di fonti energetiche alternative, rispettose dell’ecosistema, e nella sperimentazione di piani di rigenerazione urbana capaci di contrastare modelli degenerativi a livello di inquinamento ambientale e di costruzione edilizia.
In particolare, il progetto di realizzare un edificio di pubblica utilità, a bassissimo impatto ambientale, realizzato secondo i criteri della bio-architettura ed energeticamente autonomo, è la testimonianza concreta e tangibile di un proficuo lavoro di sintesi propositiva altamente innovativa che punta i riflettori sui temi dell’edilizia sostenibile e del
risparmio energetico”.
Con il suo augurio finale che “il nostro Paese possa raggiungere un grado di civiltà e di coscienza più elevato sulle tematiche ambientali, invio a tutti i partecipanti il mio più cordiale saluto”.
certificato-gold-di-casaclima
Molto soddisfatto l’assessore Michele Alinovi, che ha fortemente voluto il Modulo Eco e lo ha inaugurato proprio il giorno del suo ompleanno: “Questo – ha detto – è un momento straordinario di cittadinanza attiva, per tutto l’inverno sarà punto di riferimento per lo sportello energia e la sua presenza servirà anche per tenere al riparo in parte al piazza da fenomeni
di degrado”.

Anche il prof. Alessio Malcevschi Delegato del Rettore sui temi green dell’Università di Parma ha sottolineato che fino al 28 febbraio il Modulo Eco sarà la “casa della bioedilizia e della sostenibilità energetica”, unluogo di incontro dedicato ai temi della sostenibilità e dell’ambiente, oltre che un punto informativo per i cittadini su efficienza energetica e energie rinnovabili, in  cui il mondo universitario ha contribuito in questi mesi anche con due tesi dei neolaureati Mauro Fiorentino e Giacomo Tibaldi, che hanno partecipato attivamente alla sua realizzazione, con ottima votazione finale.

grande-affuensa-allinaugurazioneLa sua realizzazione ha richiesto un anno di progettazione, il lavoro di 92 tecnici, un mese di auto-costruzione, il tutto funzionale e operativo con un solo Kw di energia elettrica, senza impianti di riscaldamento.
L’opera non ha comportato alcun costo a carico di enti pubblici, ma ha goduto del sostegno di 45 sponsor e del patrocinio di quasi 50 enti.

Vale la pena di ascoltare l’appello di Elisabetta Quaranta di Manifattura Urbana: “Venite a conoscere un sistema costruttivo senza sprechi, vi si aprirà un mondo nuovo!”. Una realtà che già durante l’inaugurazione ha ricevuto due importanti attestati nazionali:– Certificazione di qualità e sostenibilità ARCA consegnato da Francesco Gasperi del team di Habitech – Distretto Tecnologico Trentino;

– Certificato CasaClima con il massimo titolo di “Gold” dalle mani di Pier Gabriele Andreoli direttore della sede di Modena dell’Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile (AESS) accompagnato dall’arch. Daniela
Di Croce e dall’ing. Francesca Richeldi.
vescovo-di-parma-con-maglietta-di-pinocchio-2020-donata-da-antonio-rancati-foto-marco-vasini
Nei saluti conclusivi di Antonio Rancati, responsabile delle relazioni istituzionali del progetto Modulo ECO, ha rinnovato l’invito ai cittadini presenti, alle associazioni e ai sostenitori di “contribuire nei prossimi 90 giorni con idee e progetti da presentare all’interno della struttura, che possono portare benefici per la collettività, con due punti molto
chiari: attività di green educational per le nuove generazioni e le positive ricadute sulla tutela dell’ambiente”.
A simbolo delle attività di educational che verranno realizzate nel Modulo ECO ha donato al Sindaco e al Vescovo le magliette del Grillo Parlante #GREEN di Pinocchio 2020.
Inoltre Antonio Rancati, che promuove le teorie del prof. Jeremy Rifkin della fondazione CETRI per la Terza Rivoluzione Industriale, ha sottolineato l’importanza della partecipazione condivisa tra istituzioni, cittadini e associazioni, perchè questo progetto nasce proprio dall’energia di tutti quelli che unendosi hanno contribuito a realizzarlo.modulo-eco-foto-di-gianluca-falsi