Il Solar Lab dell’Istituto Natta di Bergamo oggi in missione conoscitiva a Roma…

solar lab logo

I ragazzi del Solar Lab dell’Istituto Natta di Bergamo, oggi saranno a Roma guidati dal professor Pedruzzi e dalla professoressa Iseni, per presentare i possibili sviluppi internazionali del loro progetto alla Farnesina.

Il Presidente de CETRI, Angelo Consoli, li accompagnerà nel loro percorso romano che inizia con un incontro nella sede della Fondazione Univerde presieduta da Alfonso Pecoraro Scanio, dove il solar lab verrà illustrato ai membri del comitato scientifico per l’energia scolare della Fondazione in vista di una sua possibile candidatura al Green Pride 2016, il premio organizzato dalla Fondazione Univerde ogni anno per premiare le eccellenze nell’energia solare e le tecnologie di Terza Rivoluzione Industriale.

solar lab BG
Il collettore solare termodinamico del Solar Lab

Il progetto parte con un Solar Lab, cofinanziato da alcune imprese locali dedite alle energie rinnovabili e oggi mira a espandere il messaggio empatico e rifkiniano dell’energia solare verso il sud del mondo, in quello che Rifkin chiama Leap – Frogging, ossia salto della rana: in altre parole perchè i paesi del terzo Mondo dovrebbero rovinare le loro economie e il loro ambiente passando per le costose e inquinanti energie fossili della prima e seconda rivoluzione industriale quando adesso grazie alle relativamente economiche e perfettamente funzionanti tecnologie solari e rinnovabili possono saltare come una rana direttamente alla terza Rivoluzione industriale? Questi ragazzi hanno la risposta. Speriamo facciano riflettere chi invece ha finge che non ci sia alternativa a un futuro fossile.

Ecco i ragazzi del SOlar Lab che illustrano il loro progetto:

per saperne di più sul solar Lab:

http://solarlabinfo.wix.com/index