Beppe Grillo annuncia la nascita del primo assessorato per la Terza Rivoluzione Industriale in Francia. E in Italia?

grilloRegione Nord – Pas de Calais (Francia): la Terza Rivoluzione Industriale Europea parte da qui.
Angelo Consoli, presidente del CETRI-TIRES e direttore dell’ufficio di Bruxelles di Jeremy Rifkin, ha recentemente spiegato al pubblico dello spettacolo di Beppe Grillo “Te la do io l’Europa!” cosa sta succedendo in Francia, in particolare il progetto di reindustrializzazione basato sul modello delle stampanti 3D e quello che Rifkin ha battezzato l’internet dell’Industria:


Diamo uno sguardo più approfondito alle vicende francesi: la Regione di Nord – Pas de Calais ha elaborato un Master Plan per la transizione verso la Terza Rivoluzione Industriale.
Il Master Plan è stato elaborato sotto la guida di Jeremy Rifkin e la supervisione diretta del Presidente della Regione Nord-Pas de Calais Daniel Percheròn. Rifkin e Percheron hanno presentato il Master Plan al pubblico a novembre scorso al Forum di Lille, davanti a una platea di 5000 persone che comprendeva studenti e imprenditori e numerosi cittadini comuni desiderosi di prendere parte al progetto.

Per realizzare il Master Plan è stato creato un assessorato alla Terza Rivoluzione Industriale: l’Assessore alla TRI è Claude Lenglet, ingegnere civile, inventore del primo edificio a energia positiva (cioè che produce più energia di quella che consuma).
I lavori dell’assessorato saranno svolti tenendo conto dei 5 pilastri della Terza Rivoluzione Industriale, ognuno dei quali avrà un dipartimento dedicato:
1) ENERGIE RINNOVABILI – Direttore Marc Roquette
2) COSTRUZIONI A ENERGIA POSITIVA – Direttrice Nathalie Roturier
3) IDROGENO E SISTEMI DI ACCUMULO – Direttore Roch Drozowski
4) SMART GRID – Direttore Thierry Dhainaut
5) TRASPORTI A EMISSIONI ZERO – Direttore Pierre de Saintignon
Inoltre sono state istituite anche tre divisioni supplementari:
6) Efficienza energetica edifici
7) Economia circolare (= Rifiuti Zero)
8) Economia delle funzionalità (reindustrializzazione e stampanti 3 D)

Gli obiettivi economici ed energetici del Master Plan al 2050, sono:
Abbassamento dei Consumi di almeno il 70%
Incremento della copertura energetica da Rinnovabili di almeno il 30%

Per raggiungere questi obiettivi l’assessorato alla Terza Rivoluzione Industriale prevede di impiegare 200 miliardi di euro al 2050 con risparmi energetici di 320 miliardi, e dunque un saldo attivo di 120 miliardi.
Mettendo a paragone lo scenario basato sulle energie fossili si prevede una spesa minima al 2050 di 400 miliardi di Euro senza alcun ritorno.

Anche il saldo occupazionale al 2050 è positivo: nello scenario di Terza Rivoluzione Industriale +165.000 posti di lavoro, nello scenario fossile -102.000 posti di lavoro.
Come è finanziato il Master Plan?
– Investimenti  pubblici nazionali
– Fondi regionali infrastrutturali
– Fondi europei

Ma soprattutto, nella Terza Rivoluzione Industriale non c’è più bisogno di grandi finanziatori e banche d’affari. I progetti li possono finanziare direttamente i cittadini tramite i loro risparmi con il
–  CROWD FUNDING (azionariato diffuso)

La Regione Nord – Pas de Calais promuove attivamente l’azionariato diffuso dalla sua pagina web con la start up innovativa COW FUNDING

Alcuni progetti sono già in corso di finanziamento, con monitoraggio del finanziamento ottenuto:
BIKE SHARING ELETTRICO
ACQUA IN BOTTIGLIA DI PLASTICA CON VUOTO A RENDERE
FOTOVOLTAICO SUI TETTI DEGLI ASILI

La Terza Rivoluzione Industriale richiede una nuova generazione di professionisti dell’Energia: per questo motivo è nata la Scuola di Formazione dell Terza Rivoluzione Industriale, i cui locali sono stati ricavati in una ex fabbrica; il Centro Specialistico ha preso il nome di Università Zero Carbonio.

TUTTO QUESTO STA SUCCEDENDO OGGI NEL NORD-PAS DE CALAIS IN FRANCIA.

E in Italia?