La Spagna ha in programma di superare gli obiettivi energetici 2020

17/07/2010

La produzione di energia Solare quadruplicherà e la produzione eolica raddoppierà entro il 2020, secodno il piano d’azione per le rinnovabili pubblicato Lunedì 14 giugno dal ministero dell’industria spagnolo.
Il risultato sarà una produzione di energia rinnovabile che soddisferà il 22,7% del fabbisogno energetico iberico, permettendo alla Spagna di superare l’obiettivo 20% prefissato dall’UE.
Le rinnovabili forniranno il 40% dell’energia elettrica, e saranno la componente ampiamente preponderante nel mix energetico totale.
L’energia solare concentrata sarà la tecnologia con sviluppo più rapido, salendo dagli attuali 632 megawatt di potenza installata a 5000 megawatt entro il 2020. La produzione solare totale è stimata per 13000 megawatt entro la fine del decennio.
La produzione di energia da impianti eolici crescerà in modo più lento, da 20000 a 38000 megawatt in accordo con i precedenti obiettivi governativi, in particolare per l’eolico offshore, che è stato ridimensionato.
Un portavoce del ministero ha dichiarato all’ENDS che “gli stessi livelli di produzione possono essere raggiunti con una potenza installata rispetto a quanto in precedenza stimato”.
La Spagna avrà a disposizione un surplus di energia rinnovabile talmente imponente da poter esportare fino all’equivalente di 3.800 kilotonnellate di petrolio ogni anno in altri Stati Membri a partire dal 2011. Queste cifre non includono produzioni addizionali di energie nell’ambito di progetti congiunti con altri Paesi. Ad ogni modo, il volume di esportazioni della Spagna potrebbe essere limitata dall’inadeguatezza delle interconnessioni esistenti.
Il piano d’azione cerca di affrontare questo problema implementando I volumi di interconnessioni con Marocco e Francia. Altre misure proposte per raggiungere gli obiettivi per le rinnovabili includono l’ampliamento della capacità di pompaggio per l’immagazzinamento dell’energia prodotta da fonti rinnovabili, l’introduzione di smart grids, pianificando un ambito legislativo più stabile e usando veicoli elettrici per immagazzinare i surplus di energia prodotta.
Il generoso sistema di aiuti finanziari per la produzione di energia rinnovabile spagnolo è attualmente in revisione. I produttori hanno dichiarato che grossi tagli agli incentivi potrebbero compromettere gli investimenti futuri e precludere il raggiungimento degli obiettivi per le rinnovabili.
Il progetto prevede che la Spagna diminuirà le proprie emissioni di CO2 di 678 milioni di tonnellate nel periodo 2011-2020.